Superbike, Chaz Davies

Superbike, Chaz Davies critica Ducati: “Nessun progresso, servono soldi”

Chaz Davies critico nei giudizi su Ducati dopo la prima stagionale di Superbike ad Aragon: "I problemi si possono risolvere con dedizione e investimenti".

22 maggio 2021 - 17:58

Chaz Davies conclude la prima gara stagionale di Superbike ad Aragon con un 5° posto, beffato solo nel finale dal collega di marca Scott Redding. Il gallese non ha mai digerito il passaggio dal team Ducati ufficiale a GoEleven, anche se da Borgo Panigale gli hanno garantito massimo supporto dalla casa madre. Ma è bastato un inizio di Mondiale senza una Rossa sul podio per puntare il dito contro Ducati. Nessuno dei suoi piloti è salito sul podio e le Kawasaki hanno dominato, con un Jonathan Rea imprendibile per chiunque.

Per Chaz Davies si tratta dell’ottava stagione con il marchio italiano. Non è per nulla soddisfatto della quinta posizione finale in questo sabato al MotorLand. “Non è fantastico, ad essere onesti. Dovremmo essere sul podio qui. Sembra che gli altri abbiano lavorato molto duramente in vari settori. Siamo indietro in alcuni settori, non è una novità. Dobbiamo discutere con Ducati e vedere come possiamo migliorare“. La bacchetta magica non esiste, ma l’alfiere di Knighton conosce la direzione da intraprendere… “Sono fiducioso che possiamo risolvere i problemi. Ma ci vogliono soldi e dedizione“.

Chaz severo con Ducati

I tecnici Ducati hanno affinato i dettagli nella pausa invernale, con una Panigale V4R che già nella passata stagione Superbike ha dimostrato di avere le carte in regola per puntare al titolo mondiale. Non è dello stesso avviso Davies: “Non credo che abbiamo fatto molti progressi quest’inverno. Non posso dire che abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno“. La vera pecca, secondo il britannico, è che il marchio non abbia investito abbastanza sul World SBK, come invece avvenuto in MotoGP. “Non è che dobbiamo dividere equamente lo sforzo tra MotoGP e Superbike. Mi rendo conto che è impossibile. Ma abbiamo bisogno di qualcosa per fare la differenza“.

Più diplomatico Scott Redding sulla questione. “Difficile da dire. Ho la sensazione che stiano facendo tanto e ci stiano provando. Dobbiamo renderci conto che stiamo correndo contro la Kawasaki. Il Mondiale Superbike è l’unico vero campionato in cui si trovano. Hanno messo tutte le loro uova in questo canestro. L’obiettivo della Ducati è la MotoGP… Chaz è qui da più tempo di me. Non posso dire se è esattamente così o no. Ma io sono soddisfatto“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Anonimus
19:21, 22 maggio 2021

È esattamente quello ho pensato mentre guardavo la gara….. Finché Ducati non convogliera tutte le forze sulla SBK sarà difficile pensare al titolo, anche perché il potenziale c’è eccome ma sono i piccoli particolari a fare la differenza e in Kawasaki lo sanno.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Moto2 Supersport

Moto2, Baldassarri pronto a lasciare e approdare in Supersport con MV?

Superbike, Alvaro Bautista con la Ducati V4R

Superbike, Serafino Foti: “Vogliamo vedere Alvaro Bautista felice”

Superbike, Alex Lowes

Superbike, Kawasaki in ansia: Alex Lowes è ancora out