Superbike, Michael van der Mark

Superbike Catalunya warm up: svetta vd Mark, Toprak caduto non correrà

Yamaha al vertice nel warm up up con Michael van der Mark. Caduto Toprak Razgatlioglu non correrà. Le Ducati in posizione d'attacco con Redding e Rinaldi, solo sesto Jonathan Rea

20 settembre 2020 - 9:27

Michael van der Mark è stato il più veloce nei quindici minuti di warm up, prima uscita per la Superbike che al Montmelò prepara una domenica di grandissime emozioni. Con tutti i migliori in pista con la gomma SCX in preparazione alla gara sprint (ore 11, qui tutto il programma) i valori si sono un pò rimescolati rispetto a gara 1 vinta da Jonathan Rea. Il fuoriclasse Kawasaki ha chiuso solo sesto, a due decimi dalla vetta. Invece è andato molto forte Scott Redding, piombato a soli 26 millesimi dall’olandese. Con la Ducati torna a brillare anche Michael Rinaldi, terzo tempo. Il pilota Go Eleven ha già usato la gomma morbidissima in gara 1, quindi potrebbe partire con più esperienza rispetto agli altri. Per la gara 2, posticipata alle 15, Rinaldi però sembra indirizzato ad andare sulla scelta B (la soffice di gamma) allineandosi a Rea e Redding. La SCX infatti non ha retto i 20 giri, tanto che Michael, crollato nel finale, è finito settimo.

Toprak caduta violenta, non corre

Toprak Razgatlioglu è caduto alla curva 13 nel corso del primo giro. Il pilota Yamaha è stato portato al centro medico del circuito, dove i medici hanno diagnosticato contusioni al torace e problemi alla caviglia destra. Non correrà le due gare di oggi. E’ stato portato in ospedale a Barcellona per i trattamenti del caso. Non è un fine settimana particolarmente fortunato per il turco, che alla prima curva di gara 1 è stato spinto fuori traiettoria da Michael van der Mark (compagno di box…) perdendo contatto coi migliori.

BMW quanti problemi! 

Rea è stato preceduto anche dalla Honda di Alvaro Bautista (qui il caso motori Honda HRC) e dalla BMW di Tom Sykes, costretto al ritiro in gara 1 per un’anomalia all’elettronica. “I controlli motore hanno smesso di funzionare, ho provato ad arrivare in fondo ma guidare in quelle condizioni era pericoloso, per questo sono tornato ai box” ha spiegato il britannico. La BMW, invece di progredire, in questa fase della stagione sta lamentando una preoccupante sequela di guasti tecnici. Cercavano la prestazione, adesso manca l’affidabilità..

Foto: Diego De Col

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ana carrasco supersport 300

UFFICIALE Ana Carrasco-Provec Kawasaki, rinnovo con vista al titolo 2021

barnabo ducati barni superbike

Superbike, Barni Racing: “Essenziale trovare il budget per l’intera stagione”

Superbike, Anthony West

Anthony West: nel 2021 torna in pista, intanto si scusa con la FIM