Jonathan Rea

Superbike Australia: Jonathan Rea domina gli ultimi test

E' ancora Jonathan Rea l'uomo da battere in Superbike: ha dominato le due sessioni finali di test, strappargli il numero uno sarà un'impresa

25 febbraio 2020 - 5:53

Sarà durissima strappare il Mondiale Superbike dalle mani di Jonathan Rea. L’asso della Kawasaki ha dominato le ultime due sessioni di test invernali a Phillip Island, l’ottovolante australiano che sabato 29 febbraio ospiterà la prima sfida 2020. Più si avvicina il momento della verità, più JR1 spinge: non è una novità, è lo stesso precampionato a cui assistiamo da sei anni…Al mattino, con pista fresca, Jonathan Rea si è spinto fino a 1’30″448, sotto il primato ufficiale siglato l’anno scorso da Alvaro Bautista con la Ducati in 1’30″573. Al pomeriggio, con asfalto a 33°C, il Cannibale si è praticamente ripetuto, 1’30″523. Niente affatto turbato da una scivolata a bassa velocità, alla curva 4.

LORIS BAZ, MINA VAGANTE

Il francese continua a sciorinare temponi, oggi con la R1 satellite di Ten Kate ha dato paga ai due ufficiali Yamaha piazzandosi alle spalle di Rea in entrambe le sessioni. Continua ad esprimersi ad alto livello anche la BMW, con un Tom Sykes scatenato sul giro secco e niente male neanche come passo. “Ci hanno sottovalutato, in realtà stiamo crescendo tantissimo” continua a ripetere il boscaiolo. Vedremo sabato se sarà vera gloria. Supera l’esame dei test anche la Honda, ma solo quella di Leon Haslam, terzo tempo al pomeriggio (nel turno meno veloce…) e quinto nella combinata. Il britannico è preceduto da un Toprak Razgatlioglu che oggi, lavorando sulla distanza, non è stato così brillante come il giorno precedente.

REDDING SESTO,SERVE DI PIU’

Il ducatista è finito a terra alla curva 4, come Jonathan Rea, ma una volta tornato in pista non è riuscito  a migliorare il 1’30″885 firmato il giro precedente la scivolata. I test di Redding sono difficili da decifrare: continua a sostenere il week end sarà diverso, cioè  che sta viaggiando senza prendere rischi, ma il divario da Rea è abbastanza consistente. Servirà un bel cambio di passo.

BENE MICHAEL RINALDI 

Nella sessione final il giovane riminese neoacquisto della Ducati Go Eleven è andato assai forte. Rinaldi sembra aver trovato l’ambiente giusto nella formazione piemontese, riuscendo a chiudere ottavo nella combinata di giornata, meglio di Laverty, con l’altra BMW e di uno spento Bautista. Chi l’avrebbe detto?

Foto Diego De Col

2 commenti

marcogurrier_911
9:41, 25 febbraio 2020

Direttore camier malissimo …peccato
L antagonista quest anno di Johnny chi sarà?

    Paolo Gozzi
    11:29, 25 febbraio 2020

    Ciao, lo abbiamo chiesto a Jonathan Rea stesso, ma non gli veniva il nome 🙂 vedi articolo.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike Compleanno, Lucchinelli

Buon 32° compleanno Mondiale Superbike: che tempi, quei tempi!

Superbike, Scott Redding

Superbike, Scott Redding: “Sono abituato ad essere un campione”

Superbike Imola

Superbike: Il round di Imola si correrà, a fine luglio l’alternativa?