Superbike Alex Lowes

Superbike, Kawasaki attende la svolta di Alex Lowes

Dopo una stagione Superbike contrassegnata da infortuni, Kawasaki si aspetta risultati più costanti da Alex Lowes, legato al team fino al 2023.

28 dicembre 2021 - 8:07

Nella stagione Superbike 2022 Alex Lowes e Jonathan Rea faranno coppia per il terzo anno nel team ufficiale Kawasaki. L’ultimo campionato è stato tutto in salita per Lowes: cinque podi e ottavo posto finale, con una serie di forfait dovuti ad infortuni. Adesso Guim Roda e gli uomini della Casa verde si aspettano molto di più. Dopo Tom Sykes (2015-2018) e Leon Haslam (2019), Alex Lowes è il terzo compagno di squadra di Rea. E nessuno dei tre si è avvicinato alle prestazioni del sei volte campione del mondo.

Per Alex Lowes trattasi di un vero banco di prova. Ha portato a casa una sola vittoria in tre anni (Australia 2020) e un totale di otto podi. “Alex ha dovuto superare problemi di forma fisica, a loro volta causati da cadute quando la sua condizione non era al 100%. Con le prestazioni che ci aspettiamo da lui, la forma fisica assoluta è essenziale“, ha sottolineato il team manager Kawasaki. “I primi 3 sono stati un passo avanti a tutti gli altri quest’anno, ma subito dietro c’è Alex. Siamo ottimisti sul fatto che continuerà così nel 2022 e sarà più costantemente in avanti“.

Nel luglio 2021 Alex Lowes ha guadagnato il rinnovo di contratto biennale. Forse più per il lavoro di squadra che per i risultati veri e propri. Peccato che nel finale di Mondiale Superbike, quando serviva dare una mano a Jonathan Rea nella sfida contro Toprak Razgatlioglu, si sia dovuto fermare un’altra volta. “La collaborazione tra Jonathan e Alex, quando le cose non vanno al meglio e si cerca di migliorare insieme, è probabilmente la parte migliore del lavoro di squadra. Questo – ha concluso Guim Roda – ci dà la motivazione per andare avanti“.

“Come ho progettato il mio sogno” la magnifica autobiografia Adrian Newey, il genio F1

1 commento

FRA 1988
12:34, 28 dicembre 2021

A.Lowes non può fare molto di più dato che è sempre stato un pilota incompleto. Rea lo sapeva e ha preferito lui che avere come compagno Razgatlioglu.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea prende slancio “La Kawasaki evoluta funziona”

Superbike, Jonathan Rea

Superbike Test: Jonathan Rea ad occhi chiusi, nuovo tempone a Jerez

Razgatlioglu-MotoGP, l’opinione di Canepa: “Si adatterebbe presto”