ana carrasco

Ana Carrasco, il ritorno della ‘guerriera rosa’. “Una gara pazza!”

Ana Carrasco, vittoria speciale a Misano. Il grave infortunio dell'anno scorso è solo un brutto ricordo, cancellato dal successo in Gara 2 dell'iridata Supersport 300 2018.

14 giugno 2021 - 20:37

Poco più di nove mesi fa (era il 10 settembre) Ana Carrasco salutava il 2020 per un importante infortunio (frattura delle vertebre D4 e D6). Ieri l’iridata Supersport 300 2018 è tornata a vincere. Un trionfo dal sapore speciale, ad indicare che la lesione è ormai dimenticata e che la pilota Provec Kawasaki, con la grinta che la contraddistingue, è determinata a dire nuovamente la sua. Undicesima e quinta nel round d’apertura ad Aragón, aveva chiuso 15^ in Gara 1 a Misano. Prima della zampata: una battaglia serrata fino alla volata finale dalla quale è uscita vincitrice. Ora la classifica la vede 3^ ex aequo con Okaya a 42 punti, con il leader Huertas a 72 e Booth-Amos a 65.

Un ritorno al successo che tra l’altro mancava dalla prima corsa di Portimao dell’anno scorso. Una gioia indescrivibile per la 24enne murciana, pur non mancando un elemento di sorpresa. “Non so davvero come ho vinto, è stata una gara pazza!” aveva commentato la pilota a competizione conclusa. Spiegando poi che “È stato difficile passare i top riders. Loro erano stati veloci per tutto il weekend ed io un po’ al limite.” Domenica è stata una gara molto calda anche come temperature, con qualche difficoltà all’anteriore che però non l’ha fermata. “Il primo round era stato difficile, qui anche, ma il team ha lavorato bene e non mi sono arresa. È il regalo perfetto!”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Alex Lowes

Superbike: Alex Lowes a terra, la faccia in ombra del pianeta Kawasaki

Supersport Assen

Supersport, Gara 1 Assen: Aegerter pianifica la fuga mondiale, Odendaal 2°

Superbike, Jonathan Rea

Superbike Assen, gara 1: Jonathan Rea fa tredici e torna in vetta