ASBK Figli d’arte crescono: Oli Bayliss correrà a Phillip Island!

Oliver 'Oli' Bayliss sarà al via dell'Australian Supersport 300 a Phillip Island, seguito in pista ed al muretto box da papà Troy Bayliss.

21 febbraio 2017 - 9:46

A Phillip Island Troy Bayliss si presenterà questo fine settimana in veste di leggenda del motociclismo, beniamino del pubblico di casa, titolare del proprio team DesmoSport Ducati impegnato nell’ASBK, ma anche come… papà! Sì, perchè il suo terzogenito Oli, diminutivo di Oliver, esordirà in gara in un campionato motociclistico di caratura nazionale: sarà infatti al via dell’Australian Supersport 300 in sella ad una Kawasaki Ninja 300 schierata dal Cube Racing, compagine che da un biennio a questa parte ha stretto una partnership nell’ASBK con il tri-Campione del Mondo Superbike.

Sul tracciato dove si è assicurato 6 vittorie (due doppiette: 2002 e 2006) nel WSBK tornando clamorosamente alle corse nel 2015 a quasi 46 anni, Troy Bayliss vedrà il proprio figlio Oli debuttare in un campionato di alto profilo, pronto a confrontarsi con altri 47 (!) iscritti nelle tre gare in programma tra sabato 25 e domenica 26 febbraio.

Oliver ‘Oli’ Bayliss, prossimo a compiere 13 anni, non è tuttavia alle prime armi nel motociclismo. Nel 2013 si era laureato campione nazionale australiano Dirt Track tra le 85cc, correndo lo scorso anno nell’Australian Supermoto Championship a partire dal round di Mareeba nella classe Junior Lites. Su pista Bayliss Jr ha esordito in una competizione ufficiale nel giugno 2016 al Morgan Park Raceway nella GP Juniors, ottenendo il 7° posto in prova ed un medesimo piazzamento in Gara 1.

Da quel debutto Oli Bayliss ha macinato chilometri su chilometri in sella ad una Kawasaki Ninja 300, preparando al meglio la prevista partecipazione all’Australian Supersport 300 2017, serie dalle specifiche analoghe al neonato Mondiale di categoria. Lo scorso 30 gennaio ha inoltre preso parte alla giornata di Test ufficiali dell’ASBK, condividendo la pista insieme a papà Troy nella prima sessione: Oli riuscì a girare in 1’59″973 per poi migliorarsi nel corso della giornata fino a fermare i cronometri sull’1’55″812 (11° su 20 piloti presenti), Troy in veste di ‘coach’ autore di un best lap di 1’59″379.

Con la Kawasaki Ninja 300 contraddistinta dal numero 86, venerdì 24 febbraio alle 17:15 Oli Bayliss darà il massimo nei 15 minuti di qualifiche ufficiali che determineranno lo schieramento delle tre gare, da disputarsi sulla distanza di 8 giri ciascuna, tra sabato 25 (partenza alle 8:50 e 16:50 rispettivamente di Gara 1 e 2) e domenica 26 (il via di Gara 3 alle 9:05). Scorgere soltanto sul monitor dei tempi la scritta “Bayliss” sarà una storia tutta da raccontare…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

MotoGP: Aprilia presenta la sfida 2019 con Iannone ed Espargaró

MotoGP verso gli ultimi test in Qatar

La Gazzetta dello Sport e Corsedimoto, tutto sul Mondiale Superbike