MotoAmerica

MotoAmerica, si corre! A Beaubier la prima di Elkhart Lake

Nel pieno dell'epidemia COVID-19, oltreoceano si corre: riparte la MotoAmerica Superbike ed in Gara 1 ad Elkhart Lake domina Cameron Beaubier.

30 maggio 2020 - 23:25

Una situazione anomala, respirando un’atmosfera surreale, ma il primo verdetto sportivo della MotoAmerica Superbike 2020 riflette la normalità degli effettivi valori in campo. Nel pieno dell’epidemia COVID-19, oltreoceano le moto sono tornate in pista e, soprattutto, a correre. Ad anticipare i tempi ci ha pensato l’ormai ex-AMA con le prime, attesissime gara disputatesi sull’adrenalinico tracciato di Road America in Elkhart Lake. Mantenendo il distanziamento sociale ai box, indossando le mascherine, usufruendo del gel igienizzante e rigorosamente il tutto a porte chiuse per il pubblica, in pista si è tuttavia vissuta una vera giornata di gare. Superbike in primis, con l’ennesimo capolavoro a firma del Campione in carica, Cameron Beaubier (qui  video highlights di gara 1)

BEAUBIER NON SI BATTE

In una stagione 2020 della MotoAmerica Superbike che registra il disimpegno di due team storici come Yoshimura Suzuki e Graves Yamaha, questa rivoluzione non sembra averla accusata Beaubier. Meteora del mondiale 125cc ormai da diversi anni riferimento del motociclismo USA, ‘Cam’ sin dalle prime prove ha fatto valere la sua legge. Ritoccato più volte il record della pista con la R1 quest’anno preparata da Attack Performance, con il #1 ben in vista nei 12 giri di gara ha spazzato via la concorrenza. Come si suol dire, “Total Domination” con annesso grand chelem: pole, vittoria, giro più veloce (in 2’11″…), corsa condotta dal via all’esposizione della bandiera a scacchi.

LOTTA A DISTANZA

Cameron Beaubier centra così la personale 39esima vittoria nella MotoAmerica/AMA Superbike, lasciando la concorrenza a quasi 8 secondi (!) sul traguardo. Mathew Scholtz, sudafricano a sua volta dai trascorsi in Europa, si è fatto notare con la R1 del Westby Racing intitolato al compianto Dane Westby con una pregevole rimonta ed il secondo posto finale. Proprio nel rush finale della contesa ha avuto ragione dell’altra Yamaha Attack affidata a Jake Gagne (3°) e della superstite Suzuki M4 condotta da Bobby Fong, quarto ed in crisi sul finale.

TONI ELIAS KO

Traumatica altresì l’inizio dell’avventura in M4 ECSTAR Suzuki per Toni Elias. Scattato dalla terza casella, l’ex Campione MotoAmerica Superbike ed iridato Moto2 ben presto si è staccato dal trio in lotta per la seconda posizione. A 4 giri dal termine, questo suo passo del gambero è stato sincerato dal ritiro con il propulsore della propria GSX-R 1000 #24 letteralmente in fumo. Parziale consolazione, l’apprezzamento da parte del pubblico (da casa…) per il casco-omaggio ad Ayrton Senna.

DUCATI NELLA SUPERSTOCK

Kyle Wyman, vincitore della 200 miglia di Daytona 2019, conclude 5° ed è il miglior Ducatista sul traguardo. Settimo invece PJ Jacobsen, alla prima uscita con la Panigale V4 R del Celtic HSBK Racing, riuscendo tuttavia a conquistare due ore prima da dominatore incontrastato la vittoria della MotoAmerica Superstock 1000. Domani si ripete con Gara 2 della top class Superbike che scatterà alle 22:00 italiane.

MotoAmerica HONOS Superbike 2020

Elkhart Lake, Classifica Gara 1

1- Cameron Beaubier – Monster Energy Attack Performance Yamaha – Yamaha YZF R1 – 12 giri in 26’35.342

2- Mathew Scholtz – Westby Racing – Yamaha YZF R1 – + 7.800

3- Jake Gagne – Monster Energy Attack Performance Yamaha – Yamaha YZF R1 – + 8.505

4- Bobby Fong – M4 ECSTAR Suzuki – Suzuki GSX-R 1000 – + 9.029

5- Kyle Wyman – Inde Motorsports Ranch/KWR Ducati Team – Ducati Panigale V4 R – + 20.401

6- Josh Herrin – Scheibe Racing – BMW S1000RR – + 27.090

7- PJ Jacobsen – Celtic HSBK Racing – Ducati Panigale V4 R – + 29.331

8- David Anthony – FLY Racing ADR Motorsports – Suzuki GSX-R 1000 – + 36.793

9- Jake Lewis – Scheibe Racing – BMW S1000RR – + 48.533

10- Travis Wyman – Travis Wyman Racing – BMW S1000RR – + 1’15.117

11- Max Flinders – Thrashed Bike Racing LLC – Yamaha YZF R1 – + 1’15.630

12- Cameron Petersen – Altus Motorsports – Suzuki GSX-R 1000 – + 1’18.297

13- Corey Alexander – Ride HVMC Racing – Kawasaki ZX-10RR – + 1’20.338

14- Danilo Lewis – Procomps Racing Team – BMW S1000RR – + 1’40.492

15- Bradley Ward – FLY Racing ADR Motorsports – Kawasaki ZX-10RR – + 1’47.894

16- Jeremy Coffey – Superbike Underground – BMW S1000RR – + 1’51.197

17- Joseph Giannotto – Limitless Racing – Kawasaki ZX-10RR – + 1’51.318

18- Sam Verderico – FLY Racing ADR Motorsports – Yamaha YZF R1 – + 2’08.242

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

montella cev moto2 portimao

CEV Moto2, Portimão: Yari Montella detta legge in Gara 1

montella cev moto2

CEV: Montella (Moto2) e Acosta (Moto3) brillano in qualifica a Portimão

CEV: Prova Portimão per Montella (Moto2) e Artigas (Moto3)