All Japan Superbike

All Japan Superbike Suzuka Gara 1: tris di Nakasuga

Tre vittorie su tre gare per Katsuyuki Nakasuga nell'All Japan Superbike 2021: in Gara 1 batte Ryuichi Kiyonari, si rivede Yukio Kagayama sul podio.

24 aprile 2021 - 12:45

Uno schieramento dell’All Japan Superbike comprensivo di 61 piloti iscritti, la presenza del pubblico (seppur contingentato e con distanziamento sociale), il gradito abbinamento con la Super Formula. La celebre “2&4 Race” di Suzuka, anche in piena pandemia, rappresenta una grande festa per il Motorsport giapponese. Nello stesso weekend, si ritrovano in azione sul mitico circuito dell’ottovolante i due campionati motoristici nazionali di riferimento a 2 e 4 ruote. Un format che piace, ulteriormente impreziosito per quanto concerne la JSB1000 dal riconoscimento di effettiva gara di qualificazione in vista della 8 ore di Suzuka. Così si spiega il boom di partenti per una prima di due manche in programma che ha prodotto l’ennesimo hurrà di Katsuyuki Nakasuga.

TRE SU TRE PER NAKASUGA

Quattro volte vincitore della “gara delle gare“, speranzoso di esserci nuovamente quest’anno al via della 8 ore (nel caso con YART e non con Yamaha Factory, nuovamente assente), Nakasuga nel frattempo porta avanti la pratica 10° titolo All Japan in carriera. Vincitore di entrambe le gare a Motegi, il Re della JSB1000 ha fatto sua la corsa del sabato a Suzuka, con le modalità di sempre. Nei primi giri ha lasciato sfogare il suo più diretto avversario Ryuichi Kiyonari per poi, dopo una prolungata neutralizzazione della contesa con l’ingresso della Safety Car, scappar via. Per “Kats” si tratta della personale 56esima vittoria in carriera nell’All Japan Superbike, abbozzando un primo tentativo di fuga in campionato.

KIYONARI E KAGAYAMA SUL PODIO

Nulla ha potuto Ryuichi Kiyonari, con la CBR 1000RR-R del team Astemo Honda SI Racing di Shinichi Ito classificatosi secondo a precedere Yukio Kagayama, terzo con la Suzuki del proprio team. L’eterno pilota All Japan ha massimizzato un buono spunto al via, regolando nel finale dopo un acceso (per quanto pulito) duello Satoru Iwata, caduto proprio all’ultimo giro in piena 130R nel tentativo di conquistare il podio. Riconoscendo la gran prova del suo avversario, Kagayama gli ha poi concesso un passaggio per rientrare ai box nel dopo-gara.

COLPI DI SCENA

Gara 1 a Suzuka non ha lesinato colpi di scena. Oltre ad un prolungato ingresso della Safety Car per una maxi-carambola in uscita dalla seconda di Degner con quattro piloti coinvolti (tutti fortunatamente illesi), al restart si è visto di tutto. Dapprima un improvviso inconveniente tecnico che ha costretto Sodo Hamahara (podio alla portata con Sakurai Honda) a rientrare ai box, da lì a poco un highside a gomme fredde di Teppei Nagoe nel curvone che immette sul rettifilo dei box. A parte lo zero in classifica (il secondo in tre gare…), la conseguenza è di non poter garantire al momento al pluri-titolato team HARC-PRO Honda un posto al via della 8 ore di Suzuka. Non superata questa fase dei Try Out, dovranno riprovarci tra qualche settimana alle Sunday Road Races o, in alternativa, auspicare in un ripescaggio da parte del comitato di selezione. Considerando il palmares della squadra, una mera formalità…

WATANABE KO

A proposito di team leggendari, per Yoshimura il weekend di Suzuka si è concluso anzitempo. Complice una rovinosa caduta nelle seconde libere di giovedì, Kazuki Watanabe è stato costretto alla resa con la spalla destra dolorante. Una brutta tegola per il poleman di Motegi, ma anche per la stessa squadra, impegnata come wild card nell’All Japan per sviluppare la GSX-R 1000 in configurazione EWC sotto le insegne Yoshimura SERT Motul.

CLASSIFICA GARA 1 JSB1000 SUZUKA (TOP 15)

1- Katsuyuki Nakasuga – Yamaha Factory Racing Team – Yamaha YZF R1 – 14 giri in 34’30.343

2- Ryuichi Kiyonari – Astemo Honda Dream SI Racing – Honda CBR 1000RR-R – + 3.742

3- Yukio Kagayama – Team Kagayama – Suzuki GSX-R 1000 – + 7.103

4- Yudai Kamei – Honda Suzuka Racing Team – Honda CBR 1000RR-R – + 10.92

5- Daijiro Hiura – Honda Dream RT Sakurai Honda – Honda CBR 1000RR-R – + 13.412

6- Kosuke Akiyoshi – Murayama TJC RT – Honda CBR 1000RR-R – + 17.491

7- Hideyuki Ogata – S-Pulse Dream Racing ITEC – Suzuki GSX-R 1000 – + 21.108

8- Takuma Kunimine – TOHO Racing – Honda CBR 1000RR-R – + 23.674

9- Yuta Kodama – Team Kodama – Yamaha YZF R1 – + 24.024

10- Taro Sekiguchi – SANMEI Team Taro Plusone – BMW S1000RR – + 24.953

11- Tatsuya Yamaguchi – TOHO Racing – Honda CBR 1000RR-R – + 27.276

12- Cocoro Atsumi – TONE RT SYNCEDGE 4413 BMW – BMW S1000RR – + 26.515

13- Shinichi Nakatomi – Waveinn-R – Yamaha YZF R1 – + 28.687

14- Akira Yanagawa – will-raise racing RS-ITOH – Kawasaki ZX-10RR – + 33.346

15- Tomoya Hoshino – TONE RT SYNCEDGE 4413 – BMW S1000RR – + 35.076

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Stelvio Boaretto

Tragedia al Mugello: muore il 59enne Stelvio Boaretto

daniel holgado cev moto3

CEV Moto3 Valencia: ‘triplete’ Daniel Holgado, trionfo anche in Gara 2

fermin aldeguer cev moto2

CEV Moto2, Valencia: Fermín Aldeguer imprendibile, ecco il tris di vittorie