MotoGP: Jorge Lorenzo si confessa in TV “Cerco di imparare da Rossi”

MotoGP: Jorge Lorenzo si confessa in TV “Cerco di imparare da Rossi”

Il cinque volte Mondiale intervistato dalla spagnola Telecinco. Gli inizi, il dolore, la gloria. E quel rivale speciale…

Commenta per primo!
ALCANIZ, SPAIN - SEPTEMBER 23: Valentino Rossi of Italy and Movistar Yamaha MotoGP celebrates with Jorge Lorenzo (L) of Spain and Ducati Team at the end of the MotoGP qualifying practice during the MotoGP of Aragon - Qualifying at Motorland Aragon Circuit on September 23, 2017 in Alcaniz, Spain. (Photo by Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Vacanze al mare finite per Jorge Lorenzo a Santo Domingo, la sua vita prosegue fra allenamenti in palestra ed eventi promozionali e televisivi. La sua prima stagione in sella alla Ducati non ha portato a buoni risultati e adesso tutti attendono la riscossa del cinque volte campione del mondo.

SEPARAZIONE – Ci sarà grande pressione nel suo box, non sono più ammessi errori o alibi dopo una carriera prestigiosa che rischia di insabbiarsi in caso di mancato successo. Ma dietro il pilota tanto discusso e che a tratti sembra arrogante si nasconde un uomo dal passato non sempre facile e di un pilota che ha strappato con i denti ogni traguardo. Una parte della sua vita privata è stata confessata a Bertin Osborne nel programma ‘Mi casa es la tuya’ su Telecinco. L’amore per le due ruote nasce dall’età di tre anni, quando suo padre gli costruì con le proprie mani la prima moto su misura: “Mio padre adorava le motociclette. Quello che non ha potuto fare lui l’ha fatto per suo figlio. Non avevamo soldi per comprare una moto e mio padre me la costruì a pezzi “. All’età di 10 anni ha dovuto prendere la sua prima grande decisione di vita e scegliere con quale dei due genitori andare dopo la loro separazione: “Sapevo che se avessi scelto mia madre la mia carriera sportiva sarebbe finita e sono andato con mio padre. Tutti i soldi che avevamo li investivamo nella moto, questo spesso ci lasciava senza cena e senza vacanze e a mia madre non piaceva”.

GLI AVVERSARI – Il momento più difficile della carriera di Jorge Lorenzo è arrivato con il suo primo infortunio importante nella stagione del suo debutto in 125 cc a soli 14 anni. “La ruota posteriore è scivolata e sono volato tre metri sopra la moto. Mi sono rotto il polso e una clavicola. Il dolore era così forte che quando mio padre mi vide mi disse: Figlio, lasciamo questa merda, non ne vale la pena”. Ma l’intervento riuscì talmente bene che il giorno dopo riuscì tornare in pista e conquistare un quinto posto. Era anche l’anno in cui decise di dover abbandonare gli studi per dedicarsi mente e cuore al motociclismo. Nell’intervista-confessione c’è stato spazio anche per parlare dei suoi due più grandi avversari. “Con Dani Pedrosa siamo andati molto d’accordo. A quel tempo eravamo di fronte a un intero gruppo di cose. I nostri manager si sono anche confrontati quando erano piloti e noi eravamo i due spagnoli che volevano essere il numero uno “, ha spiegato Jorge Lorenzo. L’altro storico avversario è ovviamente Valentino Rossi, soprattutto dopo i fatti del 2015. “Se ti batte non hai scuse perché vince con la tua stessa moto. Una parte della rivalità per me è un ottimo riferimento. Con il suo carisma ha reso il motociclismo più conosciuto e ne abbiamo beneficiato tutti “, ha ammesso il pilota Ducati. E non nasconde: “Lo ammiro molto e cerco di imparare da lui”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy