MotoGP, Valentino Rossi a Portimao

Valentino Rossi: giornata storica nel box Yamaha, a gennaio in Bahrain

Valentino Rossi a Portimao corre l'ultima gara da pilota factory. Per l'occasione è arrivata anche la fidanzata Francesca. A gennaio in Bahrain con Kessel.

22 novembre 2020 - 12:00

Fuori dalla top-10 anche nel warm-up, ma Valentino Rossi sembra aver migliorato qualcosa sull’assetto della sua M1. Sarà la sua ultima gara da pilota Yamaha factory, nel box hanno allestito un tabellone con tante dediche da parte di tecnici e meccanici. Occuperà la 17esima piazza in griglia di partenza e non cerca scuse dopo un week-end MotoGP a Portimao mai in discesa. “Sono solo lento“, nessuna colpa da addebitare al Covid-19 che lo ha bloccato nel doppio GP di Aragon.

In Portogallo c’è anche la sua fidanzata Francesca Sofia Novello, per la prima volta in questa stagione 2020. Le rigide maglie delle restrizioni sanitarie hanno costretto la modella milanese a restare a Tavullia, tranne la parentesi milanese durante la quarantena del Dottore. Non poteva mancare in un giorno storico per la carriera di Valentino Rossi che dal prossimo anno vestirà i colori del team Petronas SRT. Sarà un semplice cambio di livrea, poco o nulla cambierà negli equilibri ai box di Iwata. Ma resta comunque un addio al suo team che lo ha accompagnato per ben quindici Mondiali in cui ha vinto tre titoli iridati.

L’ultima gara factory e progetti invernali

L’obiettivo per la gara di Portimao sarà conquistare più punti possibile. “Non è stato facile per me adattarmi alla pista. Non riuscivo a spingere la mia moto al limite. Qui tutti sono molto veloci e così vicini. Questo è solo il livello in MotoGP, tutti i 22 piloti possono combattere“. Si dice al top della forma, respinge ogni ipotesi di stanchezza. “Mi sono ripreso completamente, dopo cinque giorni stavo di nuovo bene. Ho dovuto aspettare dieci giorni prima di poter tornare ad allenarmi. Ma dopo ho ripreso ad allenarmi, tre ore al giorno. La performance è rimasta la stessa… Sfortunatamente sono solo lento, ma fortunatamente sto bene“.

Dalla prossima settimana concentrerà l’attenzione sui prossimi impegni sportivi. A cominciare dalla 100 Km dei Campioni al Ranch, poi l’impegno endurance con la Ferrari GT3 del team Kessel a gennaio, sul circuito del Bahrain. Non sarà impegnato nel Rally di Monza, dove parteciperà il suo collega Franco Morbidelli. A febbraio sono previsti i test MotoGP a Sepang, ma resta da vedere se la sessione verrà posticipata o se si terrà su una pista europea. Per Valentino Rossi sarà un inverno di moto e auto prima di iniziare l’avventura nel team satellite. Proseguirà anche nel 2022? Una risposta l’avremo solo durante l’estate prossima.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

binder motogp

MotoGP, fratelli vincenti: dai Milani ai Binder, tutti i vincitori di GP

MotoGé, Franco Morbidelli pilota Yamaha Petronas

MotoGP, Franco Morbidelli: una Yamaha factory? No, grazie

Torino Suzuki MotoGP

MotoGP: la maglia celebrativa del Torino F.C. per il Mondiale Suzuki