MotoGP, Franco Morbidelli e Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Il Sachsenring è una pista diversa”

La MotoGP sbarca al Sachsenring, sarà l'ottava prova stagionale per Valentino Rossi e Franco Morbidelli. In pista con alcuni aggiornamenti provati nel test.

15 giugno 2021 - 11:27

La MotoGP ritorna al Sachsenring dopo l’annullamento della gara 2020 per emergenza Covid-19. Valentino Rossi e Franco Morbidelli sono attesi da un round importante, dove cercheranno conferme dopo il test in Catalunya. Per il campione di Tavullia la priorità sarà centrare l’accesso diretto alla Q2, su una pista dove vanta 4 vittorie e 10 podi. Servono punti e una buona prestazione per invertire la rotta stagionale. Sarà il penultimo Gran Premio prima della pausa estiva, quando il 42enne deciderà il suo futuro da pilota.

Due gare, quella in Germania e la prossima in Olanda, per arrivare con qualche stimolo in più al tavolo delle trattative con Yamaha e Petronas SRT. “Abbiamo fatto un buon test al Montmelò, provato alcune impostazioni che volevamo esaminare e il mio ritmo era buono. Ero nella top ten e il feeling era positivo – dichiara Valentino Rossi -. Spero che possiamo continuare così in Germania e avere un buon week-end. È una pista molto diversa dalle altre, con molte curve a sinistra e questo lo rende un circuito piuttosto complicato. A volte può essere molto difficile, ma ho avuto delle grandi battaglie in passato lì, specialmente nel 2009“.

Franco Morbidelli, reduce da una top ten a Barcellona, spera di alzare l’asticella nel prossimo week-end di MotoGP. Nella giornata di test IRTA ha compiuto pochi giri, a causa di qualche fastidio al ginocchio e in assenza di nuove componenti per la sua M1 2019. Attualmente il vicecampione è decimo nella classifica piloti con 40 punti. “Abbiamo raccolto dati positivi in Catalogna da portare con noi in Germania questo fine settimana. Spero che possiamo usarli ed essere più forti al Sachsenring, ma ovviamente dovremo vedere cosa succede quando ci arriveremo. È una bella pista, molto stretta in alcuni punti, e non vedo l’ora di tornarci questo fine settimana. Ricordo infatti la prima volta che ho corso qui in Moto2. Non conoscevo il circuito e in gara stavo lottando per il podio!“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: una sola speranza per il ritorno

MotoGP, Zeelenberg-Razali-Stigefelt

MotoGP, Valentino Rossi e Franco Morbidelli “rimandati” al II semestre

Superbike, Jonathan Rea ad Assen

Superbike, Jonathan Rea apre al sogno MotoGP: “Mai dire mai”