Valentino Rossi MotoGP

MotoGP, Valentino Rossi: “Gli anni più importanti della mia carriera”

Valentino Rossi ricorda la sua lunga avventura in MotoGP: gli anni d'oro dal 2001 al 2005, gli alti e bassi, il ritorno al successo dopo due anni difficili.

2 gennaio 2022 - 8:43

Valentino Rossi pronto a cambiare pagina dopo l’addio alla MotoGP. Ha corso l’ultimo Gran Premio il 14 novembre 2021 a Valencia, data che sancisce la fine di una lunga epoca. Perché solitamente le leggende fanno da spartiacque nella storia dello sport e toccherà ai giovani piloti intraprendere un nuovo capitolo, anche se sarà difficile mettere da parte 26 anni di storia del Motomondiale. Chi saprà prendere in mano le redini del Mondiale dopo il Dottore?

Gli anni d’oro del Dottore

Marc Marquez, Pecco Bagnaia, Fabio Quartararo… I principali candidati sono loro tre, in attesa che la pista sveli altri nomi. Eppure un pizzico di nostalgia sarà evidentemente palpabile quando prenderà il via la nuova stagione MotoGP. Sembrava ieri quando Valentino Rossi era quell’eterno Peter Pan capace di prendere il volo e battere chiunque… “Sono stato il più forte dal 2001 al 2005, credo“, ha commentato il campione di Tavullia. Dinanzi alle sfide non si è mai tirato indietro. Ha deciso di lasciare la consolidata Honda per passare in Yamaha, dimostrando di essere lui a fare la differenza e non la moto.

Valentino Rossi tra alti e bassi

Non è purtroppo andata bene con la sfida in Ducati, i tempi non erano maturi, la Desmosedici ancora un prototipo in fase di evoluzione. “Durante la mia lunga carriera ho avuto anche molti momenti difficili“. In 26 anni di storia ha raccolto nove titoli mondiali, sette in classe regina. “Ci sono stati tre campionati indimenticabili che hanno definito la mia carriera. Questi tre campionati sono stati i più importanti della mia carriera. Nel 2001, quando ho vinto l’ultimo titolo della 500cc. Poi nel 2004, quando ho vinto il titolo con la Yamaha al primo anno. E poi nel 2008, quando ero già un po’ più grande. Allora, dopo cinque titoli consecutivi, per due anni non avevo vinto“.

Ad interrompere la sua scia iridata ci hanno pensato Nicky Hayden prima e Casey Stoner poi. Ma Valentino Rossi ha poi saputo riprendersi lo scettro mondiale nel 2008, riconfermandosi nel 2009. “Con il cambio gomme Bridgestone sono tornato al top. Ho lottato con Lorenzo, Stoner e Pedrosa e ho vinto altri due campionati – ha ricordato Valentino Rossi -. Quelli sono stati i momenti più importanti della mia carriera“.

“Come ho progettato il mio sogno” la magnifica autobiografia Adrian Newey, il genio F1

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Danilo Petrucci KTM Dakar

Il consiglio di Danilo Petrucci: “Piloti MotoGP, provate la Dakar!”

MotoGP, Aleix Espargarò

MotoGP, Espargarò: “Ammiro Dovizioso, purtroppo Iannone è fuori”

Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso verso l’addio… sulla scia di Valentino Rossi