MotoGP, Valentino Rossi a Portimao

MotoGP, Valentino Rossi a Jerez dentro o fuori: “Difficile restare motivati”

Valentino Rossi raccoglie 4 punti nelle prime tre gare della stagione MotoGP 2021. Il GP di Jerez si rivelerà decisivo per decidere il suo futuro da pilota.

19 aprile 2021 - 7:54

Valentino Rossi ritorna a Tavullia dopo il secondo zero consecutivo in questa stagione MotoGP. A Losail la gomma soft gli ha impedito di instaurare un feeling con il posteriore della M1. A Portimao, invece, ha potuto montare la hard al posteriore, ma la posizione di partenza lo ha fortemente penalizzato. Bisogna lavorare su ogni dettaglio per perfezionare il giro secco, quindi le qualifiche. Senza accedere alla Q2 è impossibile pensare di ambire alle posizioni alte di classifica.

A metà del GP del Portogallo Valentino Rossi è caduto alla curva 1o dopo aver perso l’anteriore. Si stava avvicinando alla top-10, ma sono sfumati punti importanti che avrebbero consentito di arrivare a Jerez con un pizzico di fiducia in più. Il circuito spagnolo sarà l’esame finale per decidere il futuro da pilota. “In gara è andata meglio, dopo le qualifiche abbiamo migliorato l’assetto della moto e avevo un buon passo. Ho commesso un errore alla curva 1 e poi ho perso tempo per superare mio fratello Luca“. Non sembrano esserci soluzioni per ottimizzare il grip al posteriore, se non attendere i tracciati che richiedono mescole più dure. “Con le gomme dure ero veloce, sono fiducioso per il futuro. Ho migliorato la frenata e la gomma dura anteriore mi ha dato un miglior feeling. Mi dispiace per l’errore che ho fatto perché non ero lontano dal gruppo che lottava per il podio“.

I ragazzi dell’Academy

A dare un pizzico di sale al week-end di MotoGP ci ha pensato la sfida con Luca Marini. Il Dottore ha impiegato diversi giri per superare il rookie di famiglia. Dopo esserci riuscito ha provato a mettersi all’inseguimento dei fratelli Alex e Marc Marquez, ma il tentativo è abortito sul nascere. 4 punti in tre gare, mantenere alta la motivazione sarà una priorità per Valentino Rossi. “Non lo so (se è la mia stagione più dura), è dura, c’è un ottimo livello e tutti stanno andando forte. In questa situazione non è facile rimanere concentrati e motivati. Le prossime piste sono buone, sarà difficile, ma cercheremo di essere competitivi“.

Stavolta è andata meglio al compagno di box Franco Morbidelli, ai piedi del podio. “Conosciamo già Franco. L’anno scorso ha dimostrato di poter vincere, oggi ha fatto una bella gara e sta guidando molto bene. Era vicino alla vittoria, lottava per il podio e per il campionato“. Il 42enne di Tavullia si consola anche con l’ottima prestazione di Pecco Bagnaia, a dimostrazione del grande lavoro portato avanti dalla VR46 Academy. “Molte persone non conoscono ancora il suo potenziale. Ha molto talento, fa cose incredibili sulla moto. Si sente molto bene con la moto e il team ufficiale, si fidano di lui ed è una coppia da seguire da vicino. Ieri in qualifica hanno cancellato due giri e lui è partito 11°. Oggi Bagnaia avrebbe potuto lottare con Quartararo“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

1 commento

Makiland
12:51, 19 aprile 2021

Io dico FUORI, proprio io che sono stato SEMPRE Rossiano … Non si umilia così un autentico CAMPIONE come difficilmente ce ne saranno ancora !
Mollali questi Malesi fasulli !

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Franco Morbidelli GP Le Mans 2021

MotoGP, Valentino Rossi-Morbidelli-Pol Espargarò: scintille dopo l’incidente

MotoGP, Aleix Espargaro a Le Mans

MotoGP, Aleix Espargarò deluso: “Le moto factory non si fermano in gara”

bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: “Uno come Miller è uno stimolo a migliorare”