brivio suzuki motogp

MotoGP UFFICIALE Davide Brivio e Suzuki si separano. “Decisione difficile”

Ora è ufficiale: dopo otto anni, Davide Brivio e Suzuki prendono strade diverse. "Una notizia scioccante" per il project leader Shinichi Sahara.

7 gennaio 2021 - 9:16

Arriva l’annuncio ufficiale: Davide Brivio lascia Suzuki e la MotoGP. Una notizia che fino a ieri sembrava davvero impossibile da considerare. Invece il team manager della casa di Hamamatsu lascerà il Motomondiale, dopo trent’anni di grandi soddisfazioni. L’ultima è stata proprio rivedere Suzuki vincente con il titolo piloti grazie a Joan Mir, più il mondiale a squadre. All’orizzonte una nuova sfida, precisamente in F1. “Una decisione difficile da prendere, ma sono molto motivato” ha dichiarato l’ormai ex team manager della squadra MotoGP.

“Mi è stata presentata davanti una nuova opportunità e ho deciso di coglierla” ha aggiunto Davide Brivio. “La parte più dura sarà lasciare questo meraviglioso gruppo di persone, con cui ho iniziato il progetto Suzuki quand’è tornato nel Motomondiale. È molto difficile anche salutare tutte le persone che sono arrivate negli anni, creando questa grande squadra. Da questo punto di vista sono molto triste, ma sono motivato per la nuova sfida, chiave al momento di decidere se rinnovare o ripartire con un’altra esperienza.” 

“Conquistare un titolo MotoGP è qualcosa che rimarrà nei libri di storia di Suzuki. Avrà sempre un posto speciale nelle mie memorie, ringrazio davvero il management per la fiducia riposta in me fin dall’inizio, oltre a tutti i ragazzi della squadra e tutti i piloti, specialmente Joan ed Alex. Joan poi è diventato campione, un sogno per me e per tutte le persone che hanno lavorato duramente. Auguro il meglio alla squadra in futuro, sarò sempre un loro fan.”

Parla apertamente di shock Shinichi Sahara, project leader e quindi altro tassello fondamentale per i successi Suzuki. “È come se qualcuno avesse preso una parte di me” ha dichiarato. “La sua partenza è stata una notizia scioccante per tutti. Abbiamo sempre lavorato e discusso tanto assieme. Nel 2020 abbiamo ottenuto risultati fantastici nonostante il problema del Covid, e questo sarà un anno ancora più importante per noi. Ora dobbiamo trovare la soluzione migliore dopo la “perdita di Davide”. Per fortuna la pensavamo quasi allo stesso modo, quindi non sarà difficile continuare per la stessa strada. Gli auguro solo il meglio in futuro.”

1 commento

makitari_15179021
12:38, 7 gennaio 2021

Ribadisco …
Uno BRAVO come BRIVIO … e non è una licenza poetica DEVE mettersi alla prova e “migrare” anche in terreni minati, scusate l’ avversità che provo verso la F1,
disumanizzata e ridotta a patetico circo se confrontata alla Moto GP; riparto … Deve cogliere occasioni e treni che passano 1 / UNA volta nella vita …
Gli auguro ancora soddisfazioni maggiori di quelle già ottenute, Ma 2 ruote … “is mei che FOUR” …
Opinioni personali senza pretesa di fare proseliti.
Tutti noi tifiamo e ammiriamo quelli “bravi” salvo antipatie …

POTRESTI ESSERTI PERSO:

ducati motogp

MotoGP, Ducati firma fino al 2026. Dall’Igna: “Obiettivo il titolo piloti”

MotoGP, Santi Hernandez e Stefan Bradl

MotoGP, Santi Hernandez: “Dovizioso sostituto di Marquez? Meglio Bradl”

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “C’è chi va in pensione e chi è troppo vecchio”