MotoGP, Luca Marini e Valentino Rossi

MotoGP, Rossi-Marini-Petrucci: una carena ad hoc oltre quota 180

La MotoGP di oggi è una questione di piccoli dettagli. Valentino Rossi, Luca Marini e Danilo Petrucci pagano una statura oltre la media.

9 aprile 2021 - 11:30

Peso x altezza sembra essere la formula magica per gestire al meglio le gomme Michelin in classe MotoGP. Anche Luca Marini, alla pari di suo fratello Valentino Rossi e di Danilo Petrucci, deve fare i conti con una statura oltre la media. Il rookie del team Esponsorama ha faticato non poco nelle prime due gare in Qatar, arrivando alla bandiera a scacchi 16° e 18°. Ritorna a Tavullia senza punti, ma con un primo bagaglio di esperienza in sella alla Ducati che dovrà sfruttare al meglio nel proseguimento di stagione.

Marini ha ammesso di avere ancora difficoltà a guidare la Ducati Desmosedici, prototipo MotoGP che richiede una certa muscolosità. Da qui ai prossimi giorni concentrerà l’esercizio in palestra sulla parte superiore del corpo, in particolare sulle braccia, per migliorare nei cambi di direzione. Difficoltà anche nel preservare le gomme che richiedono modifiche allo stile di guida. “Dopo dieci giri gli pneumatici erano molto consumati, soprattutto a destra. Ho provato a conservare le gomme ma è stato molto difficile“.

Peso e altezza influiscono sulle gomme

Il sito ufficiale della MotoGP rileva che Luca Marini è alto 184 centimetri e pesa 69 kg. I regolamenti richiedono che le moto abbiano un peso minimo di 158 chilogrammi. Valentino Rossi registra lo stesso peso corporeo e una statura di 181 cm. Già lo scorso anno il Dottore ha evidenziato quanto possa influire la stazza di un pilota. “Sono magro ma sono anche più alto rispetto ai miei avversari, anche se questo è un mio problema personale e non della Michelin“. Per fare un confronto, Maverick Vinales, vincitore del primo GP 2021, è alto 171 cm x 64 kg di peso. Fabio Quartararo 177 cm x 64 kg. Sul fronte Ducati, Enea Bastianini raggiunge i 168 cm di altezza e 64 kg di peso. Johann Zarco, leader provvisorio di classifica, 171 cm x 67 kg.

Interessante notare che anche Danilo Petrucci stressa la gomma posteriore più degli altri. Un problema che registrava anche in sella alla Ducati e ora con KTM sembra accentuarsi. “Forse sono troppo grosso per la moto“, ha ammesso dopo il round di Doha. “Ho guardato alcune foto e ho capito che [la RC16] sembrava una Moto3. Non so se possiamo omologare un’altra carena. Non hanno mai avuto un pilota con il mio peso e la mia altezza. Quindi questo è un fenomeno nuovo anche per i tecnici KTM. Abbiamo apportato miglioramenti e dobbiamo migliorare anche in altri settori“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Marc Marquez a Misano

MotoGP, Honda-revolution: Marquez apre la strada, Espargarò in bilico

Superbike, Toprak Razgatlioglu

MotoGP, Toprak Razgatlioglu pronto per un test con la Yamaha

kelso ortola ogden whatley moto3

Moto3: Kelso, Ortolá, Ogden e Whatley, ecco i primi rookie ufficiali