MotoGP, Valentino Rossi a Le Mans

MotoGP, Razali: “Non cambieremo tutto lo staff per Valentino”

Valentino Rossi proseguirà l'avventura in MotoGP con Petronas SRT. Ma Razali chiarisce: "Non possiamo modificare tutta la squadra per una persona".

15 maggio 2020 - 11:44

Tra Valentino Rossi e Yamaha Petronas SRT non c’è ancora nessun accordo, ma fino alla firma si farà un gran parlare. Perché il campione di Tavullia ha chiarito di voler proseguire almeno fino al 2021, ma nessuna trattativa è stata intavolata. Dal canto suo la squadra malese sembra spingere per trovare quanto prima un accordo. “Per un nove volte campione del mondo come lui, non sarebbe davvero bello fermarsi dopo quest’anno – ha chiarito Razlan Razali a Motogp.com -. Per lui è meglio continuare e noi siamo in grado di offrirgli lo spazio necessario“.

Per Petronas SRT sarebbe un bel colpo dal punto di vista commerciale, ma anche in termini di risultati sarà molto esigente. “Non è come un altro pilota, è una leggenda vivente, un nove volte campione del mondo con una vasta esperienza“, ha aggiunto il team principal. “Ma per noi nessuno è al di sopra della squadra. È molto importante per me e l’anno scorso è stato fantastico in termini di struttura e persone. Quindi vogliamo attenerci. Ciò significa che non vogliamo cambiare l’intera squadra per una sola persona“.

NESSUN CONTATTO CON IL DOTTORE

Razlan Razali fa chiaro riferimento al team interno al suo box: vada per l’arrivo di un nuovo capotecnico al fianco di Valentino Rossi. Possibile accettare qualche altra figura di massima fiducia per il pesarese, ma Petronas SRT non ha nessuna intenzione di ereditare l’intero staff VR46. “Se Valentino decide di continuare, non vogliamo che contesti solo il suo ultimo anno, vogliamo che sia competitivo e combatta per il podio, questo è importante per noi. Quindi se dimostrerà di essere ancora competitivo alla sua età, può succedere di tutto, come l’estensione o qualsiasi altra cosa, possiamo parlarne. Ma fino a quando non gli parleremo, queste discussioni sono inutili“.

Ad oggi il team satellite di MotoGP ha parlato con Yamaha factory per chiarire alcuni dettagli tecnici sulla moto eventuale a disposizione di Valentino Rossi. “Abbiamo parlato delle moto, dei costi e di altre cose. Abbiamo anche parlato con Petronas della possibilità, ma sfortunatamente – ha concluso Razali – non c’è mai stato un incontro con lo stesso Valentino Rossi“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Marc Marquez e Valentino Rossi

Valentino Rossi o Marc Marquez? La scelta di Lucio Cecchinello

KALEX Moto2

Moto2, la tecnica: il dominio del telaio KALEX

MotoGP, Davide Tardozzi

MotoGP, Tardozzi: “Jack Miller-Ducati, vicini ad una decisione”