Danilo Petrucci a Phillip Island

MotoGP, Petrucci: “Mi mancano gli allenamenti con Dovizioso”

Danilo Petrucci sa che la stagione MotoGP 2020 sarà cruciale per il suo destino. L'emergenza Covid-19 mette ulteriore stress sull'attesa

2 aprile 2020 - 15:02

Danilo Petrucci prosegue la sua quarantena a Terni, in compagnia dei suoi genitori. Per il pilota Ducati la stagione MotoGP 2020 “sarà ricca di sorprese per tutti”. Del resto c’è in ballo il suo rinnovo di contratto, niente affatto scontato. Nell’attesa di poter ritornare in pista, anche se i tempi si allungano tristemente, riassume il suo difficile momento, sia privato che professionale. “Questo è il mio secondo anno con il team Ducati. Sono molto orgoglioso e vorrei migliorare le mie prestazioni, dal momento che nel 2019 ho ottenuto la mia prima vittoria in MotoGP e combattuto per il terzo posto fino a due gare dalla fine“.

Sarà un banco di prova davvero inedito per Danilo Petrucci, con un calendario ristretto e molto serrato, che richiederà preparazione fisica e psicologica. “Voglio rimanere in questa lotta in una stagione che sarà una sorpresa per tutti. Non siamo abituati a un programma così intenso, soprattutto negli ultimi mesi, e dovremo prepararci bene“, ha raccontato in un’intervista pubblicata dal Ducati Team. Al momento c’è un’altra sfida da dover vincere, quella contro il Covid-19. “Essere così a lungo a casa e lontano dai nostri amici non è la situazione ideale. Al momento è l’unica soluzione per cercare di risolvere il problema. Restare a casa e seguire le istruzioni del governo sono le uniche soluzioni per migliorare“.

Petrux stra sfruttando questa pausa per tornare al top della forma. La spalla non è in condizioni ottimali dopo la caduta di Valencia nel 2019. “Ho anche qualche problema alle gambe, sto facendo terapia fisica a casa, allenamento leggero. E mi sto anche concentrando sulla mia dieta“, ha sottolineato il pilota di Terni. Da sempre il suo peso oltre la media rappresenta un ostacolo nella gestione delle gomme, un aspetto su cui sta lavorando da oltre un anno. “La moto è un’evoluzione rispetto allo scorso anno, ma quest’anno la grande differenza sono le gomme. Abbiamo lavorato duramente per cercare di adattare il set-up e lo stile di guida della moto”. Infine il pilota MotoGP confessa: “Mi mancano gli allenamenti in moto da cross con Andrea Dovizioso“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Quartararo: “Rossi e Lorenzo i miei modelli”

motogp

Elvio Deganello, ancora grave l’ingegnere Suzuki MotoGP dopo l’incidente MX

MotoGP, Jack Miller

MotoGP, Jack Miller: “Grazie Pramac, ma il 2020 non è ancora finito”