MotoGP, Cal Crutchlow

MotoGP, pazza idea Ducati: Cal Crutchlow può ritornare

Cal Crutchlow confessa di dialogare con Ducati per la prossima stagione MotoGP. Se salta la trattativa con Andrea Dovizioso possibile il clamoroso ritorno.

14 luglio 2020 - 20:34

Le sorprese del mercato piloti MotoGP non sono affatto finite. Resta da piazzare Cal Crutchlow, con tutto l’appoggio del boss Dorna Carmelo Ezpeleta, che non vuole perdere l’unico alfiere britannico. Per il pilota LCR, che deve lasciare il posto ad Alex Marquez nella stagione 2021, la prima ipotesi si chiama Aprilia. Anche se tutto dipenderà dalla sentenza del Tas sul caso doping di Andrea Iannone. Se venisse confermata la squalifica di 18 mesi, Noale virerebbe subito sul veterano di Coventry classe 1985.

Crutchlow si è subito dimostrato entusiasta di contribuire al progetto RS-GP, dopo i grandi passi avanti mostrati nei test in Malesia e Qatar. Ma cosa accadrebbe se il Tas riducesse la condanna a Iannone? Bisogna cercare altre strade alternative per la permanenza in MotoGP. Una di queste si chiama Ducati. Per Cal potrebbe esserci un clamoroso ritorno sulla Desmosedici GP. I dialoghi sembrano avviati da tempo. Il divorzio avvenne dopo una sola stagione insieme, ma fu un addio che “la gente interpretò male”… Avevano firmato Iannone per la squadra ufficiale e mi fu presentata un’opzione triennale per andare alla Honda – spiega a Motorsport.com -. Il mio rapporto con la Ducati è stato fantastico, probabilmente uno dei migliori che abbia mai avuto con qualsiasi squadra“.

I rapporti con Davide Tardozzi e Paolo Ciabatti sono serrati, ma non solo per motivi di interesse professionale. “Parlo con loro ogni settimana“, ammette Cal Crutchlow. Di recente ha anche parlato con il direttore generale Gigi Dall’Igna. “Gli ho parlato qualche tempo fa. Ha capito la situazione e la situazione potrebbe essere cambiata un po’ da quando gli ho parlato. Ma alla fine conosco il suo piano, che non è altro che aspettare“. Resta da capire se Andrea Dovizioso accetterà la proposta Ducati o lascerà definitivamente il tavolo delle trattative. “Se l’opzione Aprilia è disponibile, mi entusiasma. Se l’opzione Ducati è disponibile, mi eccita anche molto. Quindi non ho intenzione di negare che ho parlato con loro“.

4 commenti

Macx
23:45, 14 luglio 2020

dugatti sempre piu imbarazzante nella gestione piloti……………..

    Ringhietto
    9:14, 15 luglio 2020

    Concordo, lascia andare via l’unico che ha fatto andare forte la Desmosedici ed è arrivato secondo tre anni di fila per prendere uno che ha fatto cose mediocri in Honda…mah…

matteochiarello197_14424442
22:45, 14 luglio 2020

Vi svelo un segreto!ducati sta dialogando anche con me!!!ebbene si….se salta la trattativa con Dovizioso, poi con Lorenzo, poi con Cal……speriamo non si aggiunga nessun altro, alla fine ci sono io!!!peccato che Mosca sia morto altrimenti col suo pendolino avrebbe già svelato il segreto

    lorenzoursan_14190819
    8:41, 15 luglio 2020

    Ebbene, sappi che se la cosa dovesse saltare con Dovizioso, con Lorenzo, con Crutchlow e poi anche con te, stanno dialogando anche con me!!! Anche se su un V4 non sono ancora mai salito, ma neppure su 4 in linea se è per questo. Anzi non salgo su una motocicletta da quando un amico mi diede un passaggio sulla sua TZR 125 a metà anni ’90…..

POTRESTI ESSERTI PERSO:

riccardo rossi moto3

Moto3: Riccardo Rossi negativo e pronto per il ritorno a Valencia

MotoGP, il podio del GP di Teruel 2020

MotoGP, dialoghi “segreti” tra Morbidelli-Rins-Mir prima e dopo il podio

MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP: Jorge Lorenzo tester Aprilia, l’ultima “bomba”. Realtà o bufala?