oliveira lecuona motogp

MotoGP: Oliveira e Lecuona, il riscatto KTM Tech3 inizia a Brno

Il team KTM Tech3 verso Brno per cancellare l'ultimo doppio zero. Oliveira: "Vogliamo il risultato che dovevamo ottenere a Jerez", Lecuona: "Devo finire la gara, lavorare e imparare."

3 agosto 2020 - 11:48

Il doppio zero nel Gran Premio d’Andalucía è alle spalle, anche se la delusione non è ancora del tutto digerita. Il team Red Bull KTM Tech3 però ora è tutto concentrato sulla tappa di Brno, primo di tre appuntamenti MotoGP consecutivi di questa stagione. Miguel Oliveira e Iker Lecuona, fortunatamente a posto fisicamente dopo gli incidenti dell’ultimo GP, sono determinati a mostrare il loro potenziale (già intravisto nei primi due round, ma senza ricompensa…) in sella ad una RC16 in continua crescita.

“È tempo di rivincita” ha dichiarato senza mezzi termini Miguel Oliveira, 5° in griglia a Jerez ma falciato alla prima curva da Binder. “Non vedo l’ora di correre a Brno, su un tracciato che mi piace molto. Voglio portare alla squadra il risultato che avremmo dovuto ottenere nello scorso Gran Premio.” Non meno determinato il rookie Iker Lecuona. “So cosa devo fare ha sottolineato. “Certo devo finire la gara, ma allo stesso tempo lavorare duramente ed imparare. Sono migliorato molto a Jerez, ma devo continuare a fare passi avanti.”

Hervé Pocharal ricorda la delusione provata nella seconda tappa andalusa: un doppio zero, ma in particolare vanificata la quinta casella in griglia di Oliveira. “Le aspettative erano davvero alte, soprattutto dopo l’ottima qualifica di Miguel. Doversi arrendere senza poter nemmeno lottare è stata dura da mandare giù. L’aspetto positivo è aver visto quattro KTM competitive: ci auguriamo di ripeterci sia in Repubblica Ceca che in Austria, per dimostrare così il potenziale sia delle moto che dei piloti.”

Ora si guarda a questo fine settimana con rinnovato ottimismo. “Abbiamo una realistica possibilità di essere molto competitivi” ha dichiarato il boss Tech3. “Il clima all’interno del comparto KTM in MotoGP è davvero positivo. Vogliamo lasciarci i ritiri di Miguel e Iker alle spalle, alla ricerca di punti importanti per la classifica. Entrambi i nostri piloti sono in ottima forma, si sentono bene e non vedono l’ora di correre di nuovo.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, la storia: Kreidler e la 50cc, una categoria dimenticata (parte 1)

Valentino Rossi con la Ferrari GT3

Valentino Rossi e Franco Morbidelli: destini incrociati anche sulle 4 ruote

MotoGP, Andrea Dovizioso e Marc Marquez

MotoGP, Andrea Dovizioso: il filo della speranza si chiama Repsol Honda