MotoGP Franco Morbidelli

MotoGP, Morbidelli-Bagnaia inizia la battaglia: “Il rapporto è cambiato”

Franco Morbidelli e Pecco Bagnaia tra i pretendenti al titolo MotoGP. Il rapporto in pista tra i due allievi della VR46 Academy rischia di incrinarsi.

27 dicembre 2021 - 9:48

Non è stata una stagione MotoGP molto fortunata per Franco Morbidelli, ma neppure da cestinare. Ha inaugurato l’anno facendo coppia con Valentino Rossi nello stesso box, un sogno che mai avrebbe immaginato di facile realizzazione. Poi l’infortunio al ginocchio aggravatosi a Le Mans, ma che trascinava da molto tempo a causa di un infortunio al Ranch, lo ha costretto a saltare cinque Gran Premi. Il ritorno a Misano è stato complicato, ma rimettersi in sella alla Yamaha M1 era una priorità, al di là del risultato.

Il ritorno “a sorpresa” di Morbidelli

In sua assenza i vertici di Iwata lo hanno promosso dalla squadra satellite al team factory, dopo la separazione inattesa da Maverick Vinales. E questa è sicuramente una buona notizia per l’italo-brasiliano, l’occasione della vita per Franco Morbidelli. “Un anno partito con grandi aspettative, poi purtroppo ho fatto i conti con la realtà. Nonostante ciò le difficoltà sono state utili per crescere ed essere più professionale possibile. Trascinavo questo infortunio da tanto tempo, non ce la facevo più e ho deciso di operarmi. Proprio in quel momento mi è stata proposta una nuova sfida: andare al team ufficiale e iniziare a costruire il 2022 e 2023 già da quest’anno. Una bella sfida“.

Non c’è spazio per i sentimenti, la MotoGP richiede una certa freddezza per primeggiare. “Ritornare mi ha dato l’effetto lockdown, quando ritorni non mi concedo molto tempo per emozionarmi. Sono molto concentrato sul lavoro e quello che faccio. Quando si lavora si lavora, poi c’è il tempo per emozionarsi quando tutto è finito“.

L’amicizia-sfida con il Dottore

Nel Mondiale MotoGP 2022 ci sono grandi aspettative a Tavullia, i fan si aspettano una sfida italiana tra Franco Morbidelli e Pecco Bagnaia. Insieme condividono l’appartenenza alla VR46 Academy, entrambi con un titolo Moto2 alle spalle, hanno assaporato il ruolo di vice campione del mondo in classe regina. Entrambi sono cresciuti al fianco di Valentino Rossi. “Io e Vale abbiamo un bellissimo rapporto, ci conosciamo da tanti anni, mi ha preso in un momento difficilissimo per me. Mi ha insegnato tanto con l’esempio. Siamo molto uniti ma anche avversari, non c’è mai vergogna di dimostrare sentimenti anche ostili. Se dopo una gara lui mi dà la paga sono arrabbiato e non mi preoccupo di nascondere il mio stato d’animo con lui“.

Il rapporto con Pecco

Si prevede una sfida alla pari tra Morbidelli e Bagnaia, il rapporto tra amici rischia di incrinarsi? “Con Pecco c’è un bel rapporto, ci conosciamo che lui aveva 14 anni ed io 16, siamo stati compagni di stanza. Adesso il rapporto è cambiato ma non troppo – sottolinea Franco Morbidelli -. Rispetto a Valentino lui è più riservato, non c’è una sfida diretta in determinate occasioni. Sicuramente in pista siamo avversari, uno contro l’altro non ci risparmiamo. Entrambi siamo molto fortunati ad andare d’accordo fuori dalla pista senza nessun tipo di sforzo. Vedremo come andrà ma credo resterà così. Mi auguro di poter lottare per il campionato con Pecco, avrebbe un sapore diverso. La sfida in casa è scomoda ma bella“.

“Come ho progettato il mio sogno” la magnifica autobiografia Adrian Newey, il genio F1

1 commento

Max75BA
19:48, 27 dicembre 2021

Sarebbe fantastico un duello per il titolo tra Pecco e Morbido, purtroppo è impossibile escludere tra i favoriti gli ultimi 3 campioni del mondo…Pecco probabilmente ha la moto migliore e Mir è quello più svantaggiato per la moto mentre il pilota più forte in assoluto, ovvero M.M deve anche sconfiggere i suoi problemi fisici…sarà un mondiale decisamente interessanti

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP Joan Mir

MotoGP, Joan Mir vola a Sepang: tante novità e dubbi sugli avversari

Binder KTM MotoGP

MotoGP, Brad Binder: “Petrucci incredibile, che sfida alla Dakar”

MotoGP, Michele Pirro: “Sepang è un banco di prova importante”