monster yamaha motogp

MotoGP: Monster Yamaha, ecco le M1 di Viñales e Quartararo per la sfida 2021

Monster Energy Yamaha MotoGP si presenta per la stagione 2021. Livrea immutata, così come le ambizioni mondiali con Viñales e Quartararo.

15 febbraio 2021 - 11:19

Intenzione più che dichiarata di vivere un Mondiale MotoGP 2021 da grandi protagonisti. Il team Monster Energy Yamaha si presenta con un squadra rinnovata a metà: promosso Fabio Quartararo accanto a Maverick Viñales. Un duo giovane, un “cambio generazionale”, come l’ha definito il managing director Lin Jarvis, per puntare nientemeno che al titolo. In attesa dei primi test, che saranno il mese prossimo in Qatar ed ai quali si guarda con ottimismo per iniziare a preparare la moto per l’assalto al Mondiale.

C’è grande fiducia in entrambi i piloti. “Forse ne ho più io in Maverick che lui in se stesso” ha scherzato Massimo Meregalli, prima di tornare serio per dirsi più che sicuro del potenziale di Viñales. Entrambi, oltre a sottolineare la necessità di trovare maggiore costanza, ribadiscono anche il supporto al ‘promosso’ Quartararo. “L’anno scorso ha sentito molto la pressione” ha ammesso Jarvis. “Deve imparare a gestirla, ma ha già fatto vedere belle cose.”

Non manca la determinazione del rinnovato duo Monster Yamaha. Sia Viñales che Quartararo guardano con grande ottimismo alla nuova stagione (pandemia permettendo), determinati a lasciarsi alle spalle gli errori del 2020. “Non abbiamo tanti test a disposizione, quindi dobbiamo essere pronti da subito” ha sottolineato lo spagnolo. La sfida per il Mondiale MotoGP di quest’anno è lanciata e vogliono esserci anche loro.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Foto: Monster Energy Yamaha MotoGP

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi: “Franco Morbidelli fa paura!”

MotoGP, Ramon Forcada a Losail

VIDEO MotoGP – Franco Morbidelli miglior pilota Yamaha a Losail

enea bastianini motogp

MotoGP, Enea Bastianini: “Ancora macchinoso, lo stile Ducati è molto diverso”