MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Maverick Vinales: “Un privilegio allenarsi con Valentino Rossi”

Maverick Vinales resta in corsa per il titolo MotoGP. Respinge le critiche di chi lo giudica fragile mentalmente. E loda il lavoro di Valentino Rossi.

2 novembre 2020 - 21:22

Maverick Vinales è alla sua sesta stagione in MotoGP, la quarta in sella alla Yamaha del team factory, dove fa coppia con Valentino Rossi. Una vittoria e due podi in questo campionato 2020, ma nelle ultime quattro gare ha riscontrato più difficoltà del previsto per mancanza di grip al posteriore. Resta un contendente per il titolo iridato, al terzo posto e con 19 punti di distanza da Joan Mir. Sfida nella sfida, l’obiettivo è quantomeno chiudere questo Mondiale davanti al collega di marca Fabio Quartararo…

La questione psicologica

Le qualifiche restano il suo cavallo di battaglia, ma quando l’aderenza cala ecco sorgere le difficoltà. Si lavora per cercare soluzioni, qualcuno pensa che sia più un problema mentale e di stile di guida. Critiche che Maverick Vinales rimanda al mittente. “Chi parla sa davvero poco – racconta in un’intervista a Motosan.es -. Se sapessero un po’ di più non direbbero certe cose. Come pilota accetto le critiche, ma mentalmente sono perfetto“. Il Gran Premio di Valencia decisivo per proseguire l’assalto al titolo MotoGP. “Proverò ancora a dare il massimo, a essere ben concentrato e ad avere due weekend molto buoni“. Molto dipenderà dal connubio tra condizioni dell’asfalto e meteo. In un campionato davvero imprevedibile è impossibile fare previsioni.

L’esperienza al Ranch

Finora non è mai riuscito ad esprimersi al massimo delle sue potenzialità, soprattutto nelle ultime due sfide al MotorLand di Aragon. “Non ho dato nemmeno il 60%, non ci riesco. Perché non ho grip sul posteriore e non posso spingere. Quindi questo mi rende, a volte, un po’ deluso perché non posso dare il massimo“. Jerez e Misano si sono rivelati terreno favorevole per le Yamaha. Inoltre tra i due appuntamenti sanmarinesi ha avuto modo di allenarsi al Ranch di Valentino Rossi. Un’esperienza unica che gli ha fatto comprendere quanto siano fortunati i piloti dell’Academy. “Sono privilegiati perché hanno un circuito spettacolare e possono allenarsi con Valentino Rossi, che ha molta esperienza. Penso che tutti quelli dell’Academy – ha concluso Vinales – siano davvero fortunati“.

1 commento

fzanellat_12215005
0:24, 3 novembre 2020

Maverick è un pilota che ha buoni piazzamenti in tutte le classi( un titolo in Moto3) ma gli manca il guizzo e la fantasia del fuoriclasse. Le sue giornate buone sono troppo rare in una stagione.Tutti sanno che gli piace vincere da lepre, che scappa nei primi giri,ma non ha altri
mezzi per vincere.8 vittorie in top class tutte in fotocopia e non basta per conquistare la Motogp.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso: la “gabbia” della MotoGP e la libertà del motocross

MotoGP, Joe Roberts

MotoGP, il manager di Joe Roberts: “Aprilia occasione mancata”

MotoGP, Luca Marini-Pecco Bagnaia-Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi e “new generation”: obiettivo Mondiale tricolore