MotoGP, Maverick Vinales 2021

MotoGP, Maverick Vinales criticato sui social: cancella il profilo Twitter

Maverick Vinales dopo la gara MotoGP a Portimao ha eliminato il suo profilo Twitter. L'alfiere Yamaha non ha digerito le critiche di alcuni utenti.

19 aprile 2021 - 19:48

Reggere le tensioni non è mai stato facile per Maverick Vinales. E quanto successo nelle qualifiche di sabato, con il giro cancellato per una dubbia invasione del ‘green’, ha messo in evidenza il suo punto debole. Tanto che alla fine ha deciso di cancellare il suo profilo ufficiale Twitter che contava oltre 350mila follower. Dopo la vittoria nella gara d’esordio di questo campionato MotoGP e il 5° posto in gara-2, l’alfiere Yamaha ha chiuso 11° a Portimao. Un risultato deludente dopo la partenza dalla 12esima piazza, perdendo la possibilità di scattare dalla pole.

Nelle dichiarazioni di sabato e domenica Maverick Vinales non ha mancato di sottolineare il proprio disappunto nei confronti della Race Direction. Tant’è che il programma ‘Pole Position’ di Onda Madrid ha diffuso la notizia che il pilota di Roses avrebbe minacciato Dorna di lasciare il campionato. Notizia prontamente smentita dal diretto interessato, anche se ormai aveva generato una polemica sui social. Tanti i messaggi ricevuto che mettevano in discussione i suoi risultati ottenuti con il marchio di Iwata. “Inventare cose… cosa mi lamento alla Dorna se dobbiamo ringraziarla tutti per il grande campionato che fanno“.

E Vinales ha continuato: “Mi voglio ritirare? Hahaha non me ne vado da qui finché non vinco. E niente scuse, dico sempre la verità, ma se pensi che sia una persona falsa, perfetto!“. Il messaggio è stato un chiaro segnale di turbamento del pilota MotoGP. Difficile mantenere la calma al termine di un week-end iniziato in salita e concluso con un risultato deludente. Molti utenti Twitter chiedevano alla Yamaha di dare la sua M1 factory a Franco Morbidelli per vedere che risultati potesse ottenere. Critiche che Maverick non ha ignorato. “Se qualcuno merita la mia moto, lascio che me la prenda, non ho problemi… E se qualcuno vuole criticarmi, mi allontani dal suo account Twitter, altrimenti elimino il mio profilo“. Detto fatto…

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

2 commenti

voiedegarag_15199617
22:12, 19 aprile 2021

Ha fatto benissimo, Twitter è una prigione.
Peccato per gli sponsor, ma doversi sorbire la relazione diretta con quella parte di tifosi che è ammalata di social-media o a uno piace sinceramente oppure è solo una tortura. Che poi nemmeno si sa se quelli su Twitter sono rappresentativi del publico del mondiale o anche solo se sanno andare in moto…

L’alternativa è di prendersi un negro professionista o un comunicante abilitato o addirittura trovarsi un algoritmo per pubblicare del formattato prefabbricato, ché se questa ossessione per i social non si placa secondo me finirà così.

Max75BA
21:30, 19 aprile 2021

…non sarà semplice essere il pilota di punta del team…da Vale a Fabio praticamente dalla padella alla brace…vedremo se mostrerà una maturità psicologica non più posticipabile…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

kelso ortola ogden whatley moto3

Moto3: Kelso, Ortolá, Ogden e Whatley, ecco i primi rookie ufficiali

MotoGP, Andrea Dovizioso con la Yamaha M1

MotoGP, Dovizioso: Quartararo maestro di stile, ma lo stop pesa tanto

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi: mani in pasta sul Mondiale, resta il rebus Aramco