MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, ‘Mack’ Vinales: “Valentino Rossi correrà anche nel 2022”

Valentino Rossi annuncerà in Catalunya il nuovo contratto con Petronas per la stagione MotoGP 2021. Maverick Vinales scommettere su un ulteriore rinnovo.

26 settembre 2020 - 8:18

Sarà un sabato in Catalunya da ricordare per Valentino Rossi e la storia della MotoGP. Oggi annuncerà ufficialmente il nuovo contratto con Petronas SRT per il 2021 e l’intenzione di proseguire anche l’anno successivo. Per Maverick Vinales sarà una motivazione in più vederlo ancora in pista e legato al marchio di Iwata. “Non so se ha firmato. Non ne abbiamo parlato, ma sono felice di avere Valentino in Yamaha per un altro anno, è uno stimolo in più“.

Tra i due Gran Premi di Misano Vinales ha fatto visita al Ranch di Tavullia, ospite di Valentino Rossi e degli allievi dell’Academy. Una giornata di allenamento e divertimento che porterà a lungo nella memoria, dove ha constatato anche il livello di competizione sullo sterrato del 41enne compagno di box.  “Quando sono andato al suo Ranch ho visto come correva. Sicuramente lo vedremo in pista a 43 anni. Se va veloce, perché dovrebbe lasciare?“. Corre buon sangue tra i due alfieri del team Monster Energy Yamaha MotoGP, nonostante in passato abbiano indicato strade diverse per l’evoluzione della YZR-M1. Mai nessuna tensione, mai schermaglie a distanza. Valentino Rossi lascerà un buon ricordo e tanti insegnamenti al suo collega di marca che un giorno potrà dire “Io c’ero”.

‘Mack’ all’assalto della leadership

Maverick Vinales chiude la prima giornata di prove libere a Barcellona con il quarto tempo della giornata, in un weekend decisivo per poter dare l’assalto al titolo mondiale. Adesso che la vetta è a -1 serve costanza di prestazioni, un buon giro in qualifica per partire dalla prima fila. Quando la Yamaha è costretta ad inseguire le gomme iniziano a stressarsi, il sorpasso diventa difficile con un motore che pecca di top speed. Le condizioni della pista sono tutt’altro che ottimali, cosa che è emersa chiaramente con le molteplici cadute che si sono verificate nelle libere di MotoGP e delle altre classi. Nonostante sia una pista filo-Yamaha, il marchio giapponese non vince al Montmeló da anni.

La scelta della gomma posteriore, media o soft, sarà quasi un terno al lotto per tutti. Vinales registra ancora qualche problema in frenata e con il serbatoio pieno. Ma il circuito di casa ha dato subito buone sensazioni. Per la lotta alla leadership dovrà vedersela con il futuro compagno di box e con il vicecampione. “Per me non bisogna mai sottovalutare né Dovi né Ducati. All’improvviso sembra che non ci siano, poi arriva il giorno della gara e sono avanti. Credo che Dovi sarà forte su questa pista quindi dobbiamo migliorare i tempi“. Ma anche Valentino Rossi non va mai sottovalutato…

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Aleix Espargaro

MotoGP, Aleix Espargarò e il pronostico su Andrea Dovizioso

motogp teruel sky sport

MotoGP, Teruel: occhio agli orari TV! Dirette Sky Sport, DAZN e TV8

eg 0,0 moto3

Moto3: EG 0,0 e Monlau scrivono la parola ‘fine’ al progetto mondiale