MotoGP, Valentino Rossi

MotoGP, Lin Jarvis: il vero motivo del licenziamento di Folger

Valentino Rossi chiedeva un collaudatore europeo dopo il no di Johann Zarco. Lin Jarvis spiega il vero motivo del licenziamento di Jonas Folger.

28 novembre 2019 - 14:44

Dopo il no di Johann Zarco alla Yamaha in veste di collaudatore, Valentino Rossi aveva lanciato un chiaro monito ai vertici del team. Per contribuire allo sviluppo della M1 serve un tester in grado di girare con i tempi dei piloti MotoGP in pista. Si aspettava un pilota europeo, magari di sottrarre Bradley Smith all’Aprilia. Invece da Iwata hanno risposto con il mancato rinnovo di Jonas Folger e lo sviluppo affidato ai giapponesi Katsuyuki Nakasuga e Kohta Nozane.

Nei test di Valencia e Jerez Yamaha era l’unico costruttore a non schierare un collaudatore, sebbene dal prossimo anno avrà quattro M1 ufficiali in griglia. Honda aveva Stefan Bradl al Ricardo Tormo, Suzuki con Sylvain Guintoli in Andalusia. Ducati e KTM hanno schierato in entrambe le occasioni i loro collaudatori Michele Pirro e Dani Pedrosa. Aprilia aveva Bradley Smith. Maio Meregalli, al termine del giro di interviste a Jerez, ha seccamente ammesso che non c’era nessuna novità sul test team europeo. Un vuoto che lascia qualche punto interrogativo all’interno del box Yamaha.

AAA CERCASI TESTER EUROPEO

D’altronde la nuova specifica di motore non ha pienamente soddisfatto Valentino Rossi e gli altri piloti del marchio. Forse con la sola eccezione di Franco Morbidelli che ha mostrato grande soddisfazione. “Abbiamo sempre lavorato con i collaudatori giapponesi“, ha spiegato Lin Jarvis a Jerez. “Ci sono due piloti che eseguono i test di base. Quando le cose vengono sviluppate in Giappone, le proviamo sulla nostra pista di prova e talvolta a Motegi“. Un anno fa Yamaha ha costituito un test team europeo per provare i pezzi definitivi su un tracciato del Motomondiale prima di consegnarli ai piloti.

A tale scopo avevano puntato sul tedesco Folger che aveva già esperienza con la M1. Ma nel corso dell’anno è nato un problema: “Era difficile confrontare le stesse informazioni, lo stesso feedback, la stessa interpretazione a causa dei diversi metodi di lavoro e procedure“. Ecco perché Yamaha ha deciso nel 2020 di utilizzare lo stesso test team affidando ogni operazione ai giapponesi. “Quindi non ci sono più team di test europei e giapponesi“. Questo non significa che Yamaha non si affiderà più a collaudatori europei. Ma al momento è difficile trovarne uno all’altezza per la MotoGP e il tentativo di arrivare a Michele Pirro si è rivelato inutile. “Abbiamo bisogno di un pilota veloce, abbiamo bisogno di qualcuno che possa darci il feedback esatto – ha concluso Lin Jarvis -. Conosciamo il nostro programma di test e speriamo di avere presto un pilota ancora più veloce“.

1 commento

Fra4314
20:04, 28 novembre 2019

bè, uno piuttosto veloce ci sarebbe……..e al momento mi sembra che sia in vacanza……

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi ad Abu Dhabi

Valentino Rossi sul podio della 12 Ore del Golfo: 1° nella categoria Pro Am

Valentino Rossi 6° nella prima manche della 12 Ore del Golfo

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Ho dimostrato di meritare la Yamaha”