MotoGP, Test KTM in Austria

MotoGP, KTM chiude il primo test post-lockdown e pensa già al secondo

KTM chiude il primo test MotoGP dopo il lockdown con Pol Espargarò e Dani Pedrosa. Lavoro incentrato su telaio ed elettronica. Nuovo test a giugno.

28 maggio 2020 - 18:56

KTM ha concluso la due giorni di test MotoGP al Red Bull Ring. In pista Pol Espargarò e il collaudatore Dani Pedrosa, al lavoro soprattutto su telaio ed elettronica. La casa austriaca e Aprilia possono continuare a sviluppare il motore fino al 30 giugno, dopo di che l’evoluzione dei V4 verrà congelato anche per i team con le concessioni.  Le temperature più fredde di oggi, con massime che hanno raggiunto i 14 gradi, hanno rallentato la tabella di marcia del team KTM. Seconda giornata meno produttiva della prima, ma tutto sommato un buon test per scrollarsi di dosso la ruggine del lockdown.

TELAIO ED ELETTRONICA NEL MIRINO KTM

Entusiasta Pol Espargarò al termine del test MotoGP che gli ha permesso di tornare in sella alla sua RC16. “Questo test è stato sicuramente molto buono per me, soprattutto dopo questa lunga pausa dai test e dalle gare a causa del virus“, ha detto a Speedweek.com. “Non mi sono mai assentato per così tanto tempo da una moto da corsa in tutta la mia vita. Quindi le prove di ieri sono state un po’ difficili. Ma non mi ci è voluto molto per mostrare una velocità simile a quella del nostro ultimo test in Qatar a febbraio. Ho visto tutto il giorno facce sorridenti ai box. Questa è stata la cosa più importante“.

In KTM stanno già pianificando un altro test a giugno, sempre in Stiria. E un altro probabile test agli inizi di luglio a Brno, poco prima dell’inizio della stagione MotoGP a Jerez. Nella speranza di poter contare anche su Miguel Oliveira e Brad Binder, ancora confinato in Sudafrica in attesa di poter tornare in Europa. Nel paddock austriaco presenti 22 tecnici della casa di Mattighifen, che hanno dovuto affrontare un viaggio non certo facile per via delle restrizioni. Oltre a sottoporsi ai test sierologici. Presenti anche due tecnici italiani. “Abbiamo fatto chiari progressi nel corso del test“, ha aggiunto Pol Espargarò. “KTM ha portato molto nuovo materiale a questo test è stato molto interessante. Abbiamo fatto progressi principalmente sul telaio. Ci siamo occupati anche della messa a punto dell’elettronica. Questo era in realtà il settore più importante di cui ci siamo occupati“.

Foto e video Instagram

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Ducati al test di Misano 2020

MotoGP, Ducati GP20 ‘spy’: scarico dritto e nuovi dettagli aerodinamici

Tavullia, da Valentino Rossi

Valentino Rossi: Tavullia meta di fan MotoGP e gastronomia

Sandra Neri, moglie di Davide Tardozzi

MotoGP: l’abbraccio a Davide Tardozzi, l’ultimo saluto a Sandra