25 Gennaio 2023

MotoGP, Kawauchi-Honda subito al lavoro: ingaggiato un altro ex Suzuki

Honda vuole ribaltare la situazione nel campionato MotoGP. Ken Kawauchi subito al lavoro, ingaggiato un altro ex Suzuki: Toshifumi Fukae

Box Honda

HRC sta lavorando ad ampio raggio per smacchiare ‘ultimo posto in classifica costruttori nella scorsa stagione MotoGP. Non solo ha spostato alcune pedine sullo scacchiere del progetto racing, con Ramon Aurin dirottato nel test team al fianco di Stefan Brad, Takeo Yokohana riportato in azienda e la promozione di Giacomo Guidotti nel box factory con il neo arrivato Joan Mir. Honda ha ingaggiato anche due ex tecnici Suzuki: Ken Kawauchi, ricoprirà il ruolo di direttore tecnico, e Toshifumi Fukae, che ha lavorato nel test team della Casa di Hamamatsu.

Kawauchi subito al lavoro

Kawauchi si è messo subito all’opera questo mercoledì a Jerez, nella prima giornata di test che HRC sta effettuando con la squadra impegnata in Superbike. Honda è presente anche con il collaudatore tedesco Stefan Bradl, affiancato da Ramon Aurin, l’ingegnere spagnolo che da quest’anno ricoprirà la carica di chief technical officer del test team dell’Ala dorata. Il costruttore di Tokyo vuole assolutamente ribaltare la delicata situazione che sta attraversando. Il primo compito del nuovo direttore tecnico ex Suzuki è di ottimizzare la comunicazione tra tutto ciò che accade in pista e la sede giapponese. Il test durerà fino a giovedì, in due giorni di lavoro privato per tutti i marchi SBK. Non sappiamo esattamente su cosa stia puntando l’attenzione Stefan Bradl (al mattino il box HRC è stato chiuso per diverso tempo, ma nel retrobox c’è molta gente). Di certo si sta vagliando il nuovo scarico Akrapovic per la RC213V, dopo la fine della collaborazione con SC-Project.

La nuova sfida MotoGP di Ken

E’ la prima esperienza sul campo di Ken Kawauchi con il marchio Honda che si è accaparrata diverse figure dall’ex team MotoGP Suzuki. L’ingegnere giapponese ha dato un grosso contributo nello sviluppo della GSX-RR ed ora volge l’attenzione sulla RC213V. Una moto che richiede interventi tempestivi in molte aree. Ma come ha sottolineato il team manager Alberto Puig, l’arrivo di Kawauchi in sé non potrà risolvere tutti i problemi e servirà l’apporto di ogni area tecnica e manageriale. Ai box ritroverà i suoi due piloti Joan Mir e Alex Rins, quest’ultimo autore di due vittorie nelle ultime tre gare del 2022. “Ne sono molto felice“, ha commentato Rins dopo aver appreso la notizia dell’approdo di Kawauchi in HRC. “Ken è stato una figura chiave nei successi della Suzuki, sviluppando la moto e assicurandosi che fosse competitiva fino all’ultimo giro. Ecco perché è fantastico che ora stia affrontando una nuova sfida con noi“.

Lascia un commento