jorge martin motogp

MotoGP: Jorge Martín, ovvero continuare a sognare senza pressione

Un sabato a più facce per Jorge Martín, passato dalle cadute alla pole da record. Come obiettivo si pone 'solo' la top 5: "Sono un rookie, devo imparare."

14 agosto 2021 - 19:35

Due Gran Premi al Red Bull Ring, due pole position da record a referto. Dopo la vittoria di domenica scorsa, il bis? Jorge Martín non vuole pensarci, non se lo pone tra gli obiettivi in gara. Vede sì una lotta a cinque per la zona podio, ma non intende porsi eccesiva pressione per continuare a vivere il suo sogno da pilota MotoGP. Che in ogni caso sta già facendo qualcosa di straordinario… Nello specifico, raddrizzando oggi una giornata iniziata storta, tra difficoltà in sella e due cadute nelle ultime due sessioni di libere. Fino a ‘vincere’ la Q1 ed infine a conquistare ancora la prima casella in griglia, seppur non senza qualche problema.

Ma partiamo dall’inizio. “Non avevo un buon feeling, la moto si muoveva tanto e non avevo grip al posteriore.” Nonostante tutto il ritmo non era male, fino alla prima caduta che lo lascia fuori dai primi 10 e quindi in Q1. “Ero da top 5 nelle FP3, ma al momento di spingere ero nervoso e non avevo un buon livello di fiducia.” Nelle ultime libere è andata meglio… circa. “Abbiamo fatto qualche prova nelle FP4 ed abbiamo trovato delle soluzioni.” Non manca un nuovo incidente, senza conseguenze, prima di affrontare la Q1. “Mi sentivo molto più stabile e con un miglior grip al posteriore. Ero un po’ nervoso, non si sa mai cosa può succedere, ma sono riuscito a passare.” C’è poi la Q2. “Sono riuscito a sfruttare anche una buona scia dal mio compagno di squadra, è andata bene.”

Più o meno. “Ho avuto qualche problema ai freni, sinceramente mi sono anche spaventato. L’anteriore vibrava davvero tanto, ma solo in frenata. Ma mi sono ricordato della pole a Le Mans con lo stesso problema, quindi ho spinto fino alla fine e ce l’ho fatta!” Come detto, vede più protagonisti in lotta la vittoria. “Fabio, Pecco, Zarco, Mir… Forse anche noi.” Ma senza pensare alla vittoria. “Non voglio mettermi troppa pressione. Sto vivendo un sogno: essere in MotoGP, fare la pole e dei podi… È incredibile.” Come obiettivo, “Spero di imparare molto domani e di riuscire a finire in top 5. Non è una previsione ottimistica, ma credo sia già tanto per un rookie.”

Per i tuoi massaggi Thai

Foto: motogp.com

1 commento

FRA 1988
20:41, 14 agosto 2021

Che sia finalmente uscito l’erede di Stoner? Presto per dirlo,ma la padronanza che ha Martin della Ducati è uno spettacolo da vedere. La pista Ducati aiuta un pò ma il manico c’è eccome.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alessandro zaccone motoe

MotoE, Alessandro Zaccone: addio al campionato, ma è andata bene…

pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: caccia ad un altro colpaccio, stavolta in casa

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Con Valentino Rossi non c’è lavoro di squadra”