MotoGP, Jorge Lorenzo

MotoGP, Jorge Lorenzo: tirata di orecchie ad Enea Bastianini

Jorge Lorenzo analizza l'ultimo week-end MotoGP al Mugello. Promuove a pieni voti Fabio Quartararo e tira le orecchie ad Enea Bastianini per l'errore.

1 giugno 2021 - 13:41

Jorge Lorenzo come ogni lunedì post MotoGP commenta quanto avvenuto in pista al Mugello, anche se stavolta il risultato passa in secondo piano. L’attenzione e il cuore sono rivolti al giovane Jason Dupasquier, morto all’indomani dell’incidente nelle qualifiche. Il pentacampione ricorda come il motociclismo abbia un risvolto tragico della medaglia. “E’ uno degli sport più belli ed emozionanti che già esistono, il più pericoloso. Dobbiamo conviverci e assimilare che di tanto in tanto possiamo assistere a queste crudeli notizie“.

Sul piano prettamente agonistico Fabio Quartararo ha dato l’ennesima prova del suo talento. Il francese della Yamaha si candida a grande favorito nella corsa al titolo MotoGP, trionfando su un tracciato a priori favorevole alle Ducati. “E’ il pilota più forte e in forma sulla griglia. È il più veloce sull’asciutto. Non per la moto, Rossi e Vinales hanno la stessa moto ed erano indietro. Questo indica che il merito è suo, è giovane, esplosivo e perfettamente adatto allo stile della Yamaha“. Non solo sul giro secco, ma anche nel passo gara. “E’ un martello, non commette errori, non esce dalla traiettoria ed è capace di fare cinque giri nello stesso decimo”.

La velocità di Quartararo sarà una bella bega per Joan Mir che, nonostante il podio al Mugello, poco o nulla può contro la M1 del francese. “I suoi punti di forza erano la sua agilità in curva e il suo lieve degrado delle gomme. Ha colto l’occasione per tornare sul podio, rimane costante nonostante l’errore di Le Mans – ha aggiunto Jorge Lorenzo -. Sembra che con il predominio di Quartararo, la regolarità di Joan non basterà per riconfermare la corona“. Infine una tirata di orecchie al rookie romagnolo Enea Bastianini per l’errore commesso in griglia. “Un errore da debuttante. Non so dove stesse guardando, ma è evidente che non ha visto Zarco. Non si può perdere la concentrazione in MotoGP, questo è costato migliaia di euro ad Avintia“.

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” In vendita anche su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Valentino Rossi e i ragazzi della VR46 Academy

Valentino Rossi semina in MotoGP: VR46 marchio indelebile

moto3 sachsenring

Moto3, al Sachsenring un solo successo italiano con Dalla Porta

motogp morbidelli

MotoGP, Morbidelli: “Vorrei la positività di Valentino Rossi nei momenti difficili”