motogp

MotoGP: gli unici campioni del mondo italiani nelle rispettive categorie

Quattro piloti del Motomondiale hanno la particolarità di essere gli unici campioni italiani delle rispettive categorie in cui hanno vinto. Ecco chi sono.

26 dicembre 2020 - 20:47

Scorrendo tutte le stagioni e tutte le categorie (ancora esistenti e non) del Mondiale MotoGP, l’Italia vanta una lunghissima lista per quanto riguarda i piloti campioni del mondo, i costruttori protagonisti… Una bella fetta di storia del Campionato del Mondo ha visto il tricolore molto in alto. Ma lo sapete che ci sono anche italiani rivelatisi gli unici nostri portacolori vincenti in una determinata categoria? Ne abbiamo scovati quattro: uno di una classe ormai scomparsa, altri tre invece sono nomi ben conosciuti nei giorni nostri. Un focus su questi ragazzi.

EUGENIO LAZZARINI 

In ordine di tempo, inevitabile cominciare da lui. Nato ad Urbino, classe 1945, si è reso certo protagonista di una carriera lunga e ricca di soddisfazioni. L’esordio mondiale avviene nel 1969, un debutto sia per lui che per la Morbidelli che guidava nella sua prima annata 50cc. Contemporaneamente disputerà anche la sua unica annata 250cc (con Benelli), ma le maggiori soddisfazioni certo arriveranno nell’allora classe minore ed in 125cc. Proprio in quest’ultima categoria conquista il suo primo titolo mondiale, uno dei tanti nostri portacolori, ma la particolarità riguarda proprio la classe 50cc. Eugenio Lazzarini infatti è l’unico italiano in trionfo tra le “zanzare”, per due volte: nel 1979 con Kreidler, che lo licenzia a fine anno. Nel 1980 raddoppia con Iprem, una moto costruita dall’amico pilota Guido Mancini, ottenendo la sua ultima corona mondiale. Ricordiamo, parliamo di una categoria entrata nel Mondiale nel 1962 e sparita alla fine del 1983.

VALENTINO ROSSI 

Stiamo parlando nientemeno che di uno dei piloti più vincenti di sempre, palmares alla mano. Quarantun anni compiuti in questo 2020, Valentino Rossi ha esordito del Motomondiale nel 1996 nell’allora 125cc, mettendo insieme risultati di tutto rispetto. Contiamo 414 gare disputate, 115 vinte con un totale di 235 podi mondiali che gli sono valsi finora 9 titoli mondiali tra 125cc, 250cc, 500cc e MotoGP. A questo aggiungiamo 6313 punti in totale, 65 pole position e 96 giri veloci in gara. Non è un pilota che conosciamo oggi, vista la sua lunghissima e fruttuosa carriera ancora in essere, ma lo inseriamo in questa lista per un motivo ben preciso. Dal 2002, ovvero da quando la classe regina è diventata MotoGP, è tutt’oggi l’unico pilota italiano capace di vincere il mondiale. Non una volta sola. Quattro di questi arrivano consecutivamente dal 2002 al 2005, i primi due con la Honda RC 211 V e gli altri in sella alla Yamaha YZR M1. Le ultime due corone iridate arrivano nel biennio 2008-2009, sempre con la casa dei tre diapason.

LORENZO DALLA PORTA 

Passiamo poi alla classe minore del Motomondiale, che dal 2012 è diventata Moto3. Una classe che quindi finora ha vissuto nove stagioni in totale, cinque di queste chiuse con il titolo mondiale piloti in mano ad un alfiere spagnolo. Ma anche l’Italia ha avuto il suo momento di gloria con un unico campione: parliamo di Lorenzo Dalla Porta, classe 1997 di Montemurlo, che nel 2019 ha portato il tricolore sul tetto del mondo. Campione CIV 125 nel 2012 e CEV Moto3 nel 2016, lo troviamo nel Campionato del Mondo a tempo pieno dal 2017 dopo due ‘mezze stagioni’ nel 2015 e nel 2016 come sostituto di altri piloti. Come accennato, il botto arriva nel 2019 con quattro vittorie ed altri sette podi che gli permettono di assicurarsi la corona iridata. Quest’anno ha disputato una prima complicata annata Moto2, ma l’obiettivo sarà certo compiere importanti passi avanti nel 2021.

MATTEO FERRARI

Arriviamo alla più giovane tra le classi attuali, ovvero l’elettrica MotoE, che ha appena due stagioni a referto. Il campione di quest’anno è lo spagnolo Jordi Torres, ma la stagione inaugurale è finita nelle mani di un pilota italiano: ci riferiamo a Matteo Ferrari. Riminese classe 1997, dalla grande esperienza visti gli svariati campionati in cui ha corso, a tempo pieno o solo per qualche gara. Mondiale Moto3, Superstock 1000, Mondiale e CIV Superbike, CEV Moto2… Nel 2019 è tra i grandi protagonisti della prima stagione MotoE, in sella ad una Energica Ego Corsa ben diversa dalle moto ‘classiche’. Ma riesce ad essere il migliore della categoria: con due vittorie, un altro podio e costanti piazzamenti in top 5 si assicura il primo titolo elettrico. In questo 2020 non è riuscito a ripetersi, chiudendo 2° in campionato con due vittorie, altri due podi, un 5° posto e due zeri. Nel 2021 ripartirà sempre con Gresini Racing, pronto a riprendersi la corona.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

yari montella moto2

Moto2: Yari Montella e Speed Up, divorzio con effetto immediato

MotoGP, Andrea Dovizioso nel box Petronas

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Non posso guidare d’istinto”

moto3 moto2 motogp

Moto2 e Moto3, ecco le squadre confermate per la stagione 2022