Kenan Sofuoglu

Kenan Sofuoglu: “Ho guadagnato più soldi di Jonathan Rea”

Kenan Sofuoglu parla del suo potere economico, dell'ascesa da pilota a politico-imprenditore. Un patrimonio che, a suo dire, neanche Jonathan Rea può eguagliare.

27 dicembre 2020 - 9:47

Vincendo cinque titoli Supersport Kenan Sofuoglu ha costruito il suo impero economico. Vittorie, sponsor, investimenti giusti, seggio nel Parlamento turco, dove tutela i diritti degli automobilisti. Di recente ha lanciato una proposta al ministro delle finanze per ritirare la tassa aggiuntiva del 10% sull’acquisto di una nuova motocicletta. Ma anche una vita intristita da episodi drammatici: ha perso due fratelli a seguito di incidenti. Nel 2015 è morto il figlio di appena quattro mesi per un’emorragia cerebrale.

Il pentacampione turco oggi è un politico rispettato della schiera del presidente Erdogan. Si reca in Parlamento a bordo di una Lamborghini e si prende cura di Toprak Razgatlioglu e del nipote Bahattin Sofuoglu protagonista nel Mondiale Supersport 300. Entrambi non raggiungeranno mai la sua potenza finanziaria, ma nemmeno un sei volte iridato della Superbike come Jonathan Rea. “Sono stato il primo pilota turco, questo significava che avevo molti sponsor“, ha raccontato Kenan Sofuoglu a Speedweek.com. “Dalle gare vere e proprie non ho guadagnato tanto, pur avendo un ottimo contratto con Kawasaki. Era molto semplice: se arrivavo secondo, niente soldi. Se avessi vinto, avrei intascato grossi premi. E ho vinto molto. Ho sicuramente guadagnato più soldi di Jonathan Rea“.

Dopo oltre quindici anni nelle corse ha investito gran parte dei guadagni nel settore immobiliare e industriale. “Oggi ripaga, guadagno più di quanto guadagnavo da pilota. Ho investito tutta la mia carriera agonistica nelle case e ho comprato un’attività dopo l’altra. Tengo oltre 50 case in affitto e mi permetto anche alcuni sfizi come auto e moto“. Si aggiunga la sua carriera politica iniziata anzitempo, sotto gli occhi invidiosi di tanti colleghi. “La mia vita di politico è molto diversa da quella a cui sono sempre stato abituato. Altri hanno fatto 30 anni di carriera politica prima di ottenere un seggio in parlamento. Questo fa arrabbiare molte persone – ha aggiunto Kenan Sofuoglu -. I miei colleghi in parlamento sono gelosi anche del mio stile di vita, nessun altro senatore guida una Lamborghini e va  in pista con le moto. Sono corteggiato dai media e sono molto famoso“.

2 commenti

fzanellat_12215005
13:12, 27 dicembre 2020

Spero che Razgatlioglu non prenda esempio dalle parole del suo scopritore e abbia l’umiltà di lavorare per essere un top rider della Sbk.
Kenan non c’è riuscito e queste parole indicano la frustrazione di essersi fermato a ottimo pilota in Supersport( 5 titoli) ma nulla di eccezionale nella più competitiva Sbk.

Anonimus
11:33, 27 dicembre 2020

Sempre stato molto umile…

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Superbike, Jonathan Rea

Superbike, Jonathan Rea: “A Navarra servono le palle”

Superbike Navarra

Superbike, test Navarra: Rea, con queste Yamaha la lotta è dura!

Superbike, Jonathan Rea

Test Superbike, Jonathan Rea: “Fantastico testare a metà stagione”