MotoGP, Franco Morbidelli e Valentino Rossi

MotoGP, Franco Morbidelli: “Valentino Rossi ed io stiamo bene insieme”

Franco Morbidelli loda Valentino Rossi e chiede una Yamaha M1 factory per la prossima stagione MotoGP: "Non dipende solo dai risultati in pista".

29 ottobre 2020 - 20:11

Franco Morbidelli ha collezionato già due vittorie in questa stagione MotoGP 2020. A differenza di Valentino Rossi, Maverick Vinales e Fabio Quartararo guida una vecchia specifica di Yamaha M1, ma sotto l’albero di Natale potrebbe trovare una gradita sorpresa. Avere una moto della precedente edizione, pur con alcuni aggiornamenti dell’anno in corso, consente ai tecnici di Iwata di confrontare i dati. Ma non è certo un vantaggio per l’ex campione Moto2. “Puoi vedere dove la vecchia moto è migliore e la nuova ha nuovi problemi e viceversa, ovviamente. Quindi è meglio per la Yamaha, ma non per me personalmente“.

Morbido chiede una M1 factory

Avere tre Yamaha 2020 e una 2019 è un buon pacchetto per la casa nipponica, ma questa filosofia viene progressivamente accantonata dagli altri costruttori. Dal prossimo anno anche anno si adeguerà ai tempi e doterà Taka Nakagami di una RC213V ufficiale, alla pari dei fratelli Marquez e del neo arrivo Pol Espargarò. Anche KTM e Ducati schierano quattro prototipi factory, mentre Aprilia e Suzuki al momento non hanno team satellite.

Franco Morbidelli ha fatto esplicita richiesta di avere una M1 “spec-A” nella prossima stagione MotoGP. E dopo due vittorie Razlan Razali potrebbe accontentarlo. “Non dipende solo dalla mia prestazione in pista, ma anche da altre cose. Naturalmente, la mia prestazione in pista determina lo sforzo che la squadra farà per me“. Dal prossimo anno il pilota romano condividerà il box con Valentino Rossi e vorrebbe giocarsela alla pari, visti i risultati espressi quest’anno. Insieme elargiranno al box Petronas SRT un’atmosfera inedita all’interno del garage da fare invidia a chiunque.

L’amicizia con il Dottore

L’amicizia tra il Dottore e Franky va avanti da un decennio. Quando Morbidelli ha perso suo padre, Valentino l’ha messo sotto la sua egida. “È la persona che ammiro di più e alla quale devo tanto – racconta a ‘Il Corriere della Sera’ -. Dopo la morte di mio padre, mi chiuse in una stanza e disse: “Se hai bisogno di me, sono qui. Mi ha insegnato, mi ha aiutato, mi ha ispirato“. Un rapporto fraterno che va oltre la MotoGP. “Io e Rossi litighiamo, mi arrabbio quando mi supera e lui prova lo stesso quando lo faccio“, ha aggiunto Franco Morbidelli. “La cosa fantastica è che siamo così buoni amici che non ci nascondiamo nulla. La rivalità ci avvicina. Siamo due personalità che stanno bene insieme. La nostra unione è molto più forte di qualsiasi antagonismo“.

Foto: Getty Images

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Joe Roberts

MotoGP, il manager di Joe Roberts: “Aprilia occasione mancata”

MotoGP, Luca Marini-Pecco Bagnaia-Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi e “new generation”: obiettivo Mondiale tricolore

binder espargaro ktm motogp

MotoGP, Mike Leitner (KTM): “I risultati del 2020 parlano da soli”