quartararo motogp

MotoGP, Fabio Quartararo: “Abbiamo bisogno di tornare sul podio”

Fabio Quartararo, servono risultati di peso a Misano. L'anno scorso la prima battaglia per la vittoria. "Uno dei miei tracciati preferiti. Vedremo il nuovo asfalto."

8 settembre 2020 - 15:17

Ha iniziato la stagione con una splendida doppia vittoria nei round a Jerez, poi sono sopraggiunte le difficoltà. Fabio Quartararo arriva a Misano ancora da leader iridato in MotoGP, ma i punti di vantaggio sul primo inseguitore, Dovizioso, sono solo tre. Dopo i problemi riscontrati tra Repubblica Ceca ed Austria il pilota francese ha bisogno di tornare a lottare per il podio: ricordiamo che l’anno scorso su questa pista ha avuto la prima occasione in classe regina per lottare per la vittoria. In una stagione così imprevedibile, ogni punto si rivela importante.

“Misano è uno dei miei tracciati preferiti” ha dichiarato Fabio Quartararo. “Ha un po’ di tutto: curve veloci, curve lente, cambi di direzione da sinistra a destra. Tra l’altro c’è anche una delle mie curve preferite in assoluto, il Curvone: arrivi in sesta marcia, lasci scorrere, usi un po’ i freni e poi dai di nuovo gas il più presto possibile. Non vedo l’ora di percorrerla anche quest’anno. Oltre a questo sono proprio curioso di vedere come sarà con il nuovo asfalto, vedremo se le condizioni sono cambiate rispetto all’anno scorso.”

Ricorda poi la battaglia di cui si è reso protagonista nella stagione 2019. “Abbiamo lottato per la vittoria fino all’ultimo giro per la prima volta. L’obiettivo è cercare di ripeterci di nuovo in questi due eventi a Misano.” Sottolinea in particolare che “Abbiamo bisogno di tornare sul podio nelle prossime gare, raccogliendo più punti possibili in tracciati in cui la nostra moto si trova decisamente meglio. Stiamo lavorando per ritrovare il feeling con la M1 che avevamo nei Gran Premi svolti a Jerez.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Paolo Ciabatti

MotoGP, Paolo Ciabatti: “Non sarà facile sostituire Andrea Dovizioso”

rins motogp

MotoGP, Manuel Cazeaux: “Alex Rins era pronto, ma l’incidente a Jerez…”

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso e le strade per diventare campione