MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: motivi dell’addio a Ducati e progetti 2021

Andrea Dovizioso non esclude un addio alla MotoGP a fine campionato. E sui motivi del divorzio da Ducati: "Idee diverse su come lavorare".

8 settembre 2020 - 15:57

Andrea Dovizioso ha sconvolto il paddock della MotoGP con l’annuncio dell’addio a Ducati. Una scelta maturata dopo anni di incomprensioni che forse verranno a galla solo in futuro. “E’ stato difficile, ma in realtà per diversi motivi. Non è successo dall’oggi al domani“. Ormai noti gli attriti con Gigi Dall’Igna, la situazione psicologica non era più sostenibile per il forlivese. Soprattutto in una stagione dove sa di potersela giocare per il titolo mondiale.

Dopo il biennio di Valentino Rossi in Ducati, il ‘Dovi’ ha traghettato la Desmosedici fino ai livelli di oggi. Ha traghettato la nave in piena emergenza fino a farla diventare una meta ambita per tutti i piloti, anche quelli provenienti dalla Moto2. Fino a qualche anno fa la Rossa era vista come una moto difficile. Adesso Pecco Bagnaia e Johann Zarco stanno dimostrando cosa sia possibile fare anche con un minimo di esperienza.

Una separazione non consensuale

La goccia che ha fatto traboccare il vaso sono le dichiarazioni pubbliche di Andrea Dovizioso dopo la gara al Sachsenring nella scorsa stagione. In quella occasione ha bacchettato alcune decisioni tecniche e una Desmosedici che non riusciva a risolvere i problemi in percorrenza di curva. “In Ducati ci sono persone speciali, intelligenti. D’altro lato è anche molto difficile perché gli italiani hanno un atteggiamento speciale. Non è sempre facile trovare una corrispondenza. Ci sono state molte discussioni in quegli anni perché non avevamo sempre le stesse idee su come dovevamo lavorare. Era dura e c’erano alti e bassi – racconta a Motogp.com. Ma io ero sempre concentrato sul campionato“.

Resta da capire cosa deciderà di fare nella prossima stagione MotoGP. Nelle ultime ore si vocifera di un possibile (o impossibile) passaggio in Yamaha Petronas, dove invece dovrebbe approdare Andrea Dovizioso. “Vedremo cosa succederà. Non ho un piano al momento. Ma non sono preoccupato. Mi sto concentrando su questo Mondiale e combatterò fino alla fine“. Non è da escludere un possibile addio al Motomondiale. “Dopo questa mia carriera non voglio essere solo in MotoGP – conclude il forlivese –. Sono molto contento di quello che ho ottenuto“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Maverick Vinales

MotoGP, Lin Jarvis sui motori: “Abbiamo ridotto le prestazioni”

MotoGP Aprilia

MotoGP, Massimo Rivola: “Dovizioso la migliore opzione possibile”

crutchlow motogp

MotoGP, Crutchlow che guaio: il braccio sta meglio, ma si fa male alla caviglia!