MotoGP, Razlan Razali

MotoGP, boss Petronas SRT: “Valentino Rossi ha firmato con Yamaha”

Razlan Razali svela qualche dettaglio sul contratto tra Valentino Rossi e Petronas SRT per la stagione MotoGP 2021: "Non è un pilota normale".

30 settembre 2020 - 8:11

Per Razlan Razali quello di Catalunya è un week-end da incorniciare. Non solo per la vittoria di Fabio Quartararo, la terza in questa stagione MotoGP. Ma anche per aver suggellato l’accordo con Valentino Rossi dopo mesi di trattativa. Sin dai primi dialoghi fra Malesia e Tavullia, il manager malese ha lasciato intendere di avere polso di ferro. Specialmente sul personale ai box avrebbe concesso poco o nulla.

Anche per questo la contrattazione si è prolungata per mesi. “Valentino non è un pilota normale, è anche una risorsa economica“. Un tormentone che Razlan Razali ha sempre sottolineato. Perché qualora non dovessero arrivare risultati bisognerà soddisfare gli investitori in altro modo. “Ha i diritti d’immagine, abbiamo dovuto verificare con i nostri partner che fossero tutti protetti. E ovviamente – spiega a The-Race.com – dovevamo essere sicuri quando discutevamo del suo team tecnico“. La squadra satellite non aveva nessuna intenzione di smantellare il suo staff di tecnici e meccanici. A farne le spese Alex Briggs e Brent Stephens.

Petronas vuole i risultati

Nel corso del doppio week-end di Misano Razali ha fatto visita alla roccaforte di Valentino Rossi a Tavullia. Decisi gli ultimissimi dettagli, la firma è arrivata nel sabato del Montmelò. “Dopo Misano/2, abbiamo lavorato fino a tarda notte e abbiamo concluso. È un contratto lungo, quattro volte più ampio degli altri piloti!“. Ma sarà altrettanto breve per durata: un solo anno senza nessuna opzione per il 2022, solo una promessa verbale. “Tutti i contratti durano fino al 2021… Franco ha un “1 + 1” con noi, con una forte opzione per il secondo anno. Ma non abbiamo firmato un contratto con Valentino, abbiamo firmato con la Yamaha. È una situazione complicata, ma non era questo il motivo del ritardo“.

Nella prossima stagione MotoGP, ma sin da subito, Petronas SRT si attende grandi risultati da Valentino Rossi. Condizione imprescindibile per ipotizzare un ulteriore prolungamento di contratto. “Siamo incredibilmente felici di averlo in squadra… è un pilota che qualsiasi squadra vorrebbe avere“. Ma Razlan Razali è ambizioso: “Vogliamo che Valentino sia competitivo e apprezziamo la fiducia che ha avuto in noi“.

1 commento

quattordici800_14945882
21:45, 30 settembre 2020

Morbidelli sta facendo una stagione favolosa con una Yamaha del 2019 e l’anno prossimo avrà una Yamaha del 2020 …..spesso e volentieri si mette le Yamaha ufficiali dietro però, malgrado ciò,non può avere un mezzo al pari dei colleghi….certe decisioni a volte oltre ad essere incomprensibili sono davvero strane!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Aleix Espargaro a Teruel

MotoGP, Aleix Espargarò: “Mi dispiace superare così Dovizioso”

fernandez moto2

Moto2: Augusto Fernández operato per sindrome compartimentale

MotoGP, Fabio Quartararo e Franco Morbidelli

MotoGP, Franco Morbidelli manda in tilt i colleghi Yamaha