miguel oliveira motogp

MotoGP, attenti ad Oliveira: “Credo di avere un ritmo interessante”

Miguel Oliveira 6° in griglia di partenza. Spiega l'episodio di cui è stato uno dei protagonisti in Q2, e sottolinea: "Credo di avere un ritmo interessante."

20 giugno 2021 - 7:30

Non avrà conquistato la prima fila, ma molti piloti (tra loro Quartararo ed Espargaró) sono concordi sul fatto che Miguel Oliveira è uno di quelli da tenere d’occhio. Se andiamo a guardare i suoi turni, il pilota portoghese ha messo a referto tempi molto costanti, uno dei ritmi migliori visti nei primi due giorni dell’evento MotoGP al Sachsenring. La sua Q2 si è conclusa con il 6° posto per bandiere gialle, ma pochi dubbi però sul fatto che l’alfiere KTM Factory sia determinato a continuare la sequenza di risultati positivi.

“Certo non è andata come tutti si aspettavano” ha ammesso Oliveira a motogp.com alla fine delle qualifiche. “Soprattutto perché siamo stati bloccati dalle bandiere gialle in un paio di giri. Avremmo potuto ottenere un risultato migliore per la gara, puntavo alla prima fila… Ma certamente non è stato un disastro.” Come detto, scatterà dalla sesta casella in griglia. “Sarà una gara molto lunga, le gomme caleranno. Ma punto solo a divertirmi e ad ottenere un bel risultato.”

Sottolineando poi che “Credo di avere un ritmo interessante.” Non è mancato un episodio bizzarro che ha fatto storcere il naso ad alcuni colleghi. “Sinceramente non ho capito. Quando ho visto le bandiere gialle ho mollato l’acceleratore e basta. Non volevo spingere per il resto del giro in modo da salvare le gomme per un buon giro. Alla fine sono le regole, non ero davanti al gruppo…” Per finire, si dichiara molto fiducioso per la corsa. Sempre senza sbilanciarsi. “Cerchiamo il miglior risultato possibile: relax e concentrazione.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

Foto: motogp.com

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: una sola speranza per il ritorno

MotoGP, Zeelenberg-Razali-Stigefelt

MotoGP, Valentino Rossi e Franco Morbidelli “rimandati” al II semestre

Superbike, Jonathan Rea ad Assen

Superbike, Jonathan Rea apre al sogno MotoGP: “Mai dire mai”