motogp q2 sachsenring

MotoGP ed i rallentamenti: “Dovremmo essere un esempio, invece…”

Secondo turno di qualifiche MotoGP segnato anche da "rallentamenti" in pista. Il commento di Pol Espargaró, Takaaki Nakagami e Jack Miller.

19 giugno 2021 - 19:44

Uno degli argomenti che hanno tenuto banco in questa giornata di qualifiche MotoGP è stato senza dubbio quanto successo in Q2. Nello specifico, la presenza di alcuni piloti più lenti, che hanno creato problemi anche ad altri, magari impegnati in giri lanciati. Come Pecco Bagnaia, che ha detto chiaramente di non essere riuscito a fare un tempo per questo motivo. Una situazione purtroppo molto comune in Moto3, ma non stanno mancando episodi anche in classe regina. “Trenini” e “attese” di cui ha parlato pure Alex Rins, ma non solo: riportiamo i commenti anche di Pol Espargaró, Takaaki Nakagami e Jack Miller.

Espargaró: “Una critica a tutti, me compreso”

“Quello che ho visto è veramente triste” ha sottolineato l’alfiere HRC. “Nell’ultima Safety Commission c’era anche Andrea Migno. Ha parlato con tutti i piloti di MotoGP e tutti loro, più i commissari, hanno detto che la Moto3 è una categoria pericolosa. Per gli spettatori può anche essere divertente, ma ci sono tante cadute e molti problemi, con piloti che vanno anche addosso agli altri…” Una situazione di cui appunto si sta parlando spesso, per questo Pol Espargaró non è contento di quanto successo in Q2. “Dovremmo essere quelli che danno l’esempio, invece non lo stiamo facendo. Io compreso: è una critica per tutti i piloti, tra i quali mi includo anche io. In Moto3 secondo me manca un po’ di rispetto reciproco.”

Nakagami: “Va sempre peggio”

Si allinea a quanto detto dal collega di marca anche Takaaki Nakagami, che chiaramente giudica in maniera particolarmente negativa quanto visto oggi in Q2. “Non è stato positivo da vedere” ha sottolineato il pilota giapponese di LCR Honda. “Sono situazioni che certo non mi piacciono. Parliamo di scene che abbiamo visto finora in Moto3, adesso capita anche la MotoGP…” Servono provvedimenti. “Bisogna cambiare: serve qualche penalizzazione per far capire che non va bene. Sembra che GP dopo GP stia andando peggio. Nella prossima Safety Commission dovremo parlare non solo di Moto3, ma anche di MotoGP.”

Miller: “Alcuni hanno quasi parcheggiato…”

Sull’argomento si è espresso anche Jack Miller, quarto in griglia alla fine delle qualifiche. “In Q2 abbiamo visto che molti piloti hanno guidato molto lentamente. Anzi alcuni hanno quasi parcheggiato, in attesa che qualcuno davanti a loro fosse più veloce.” Il pilota Ducati Team non sarebbe contrario a qualche sanzione. “Potrebbero esserci delle conseguenze, come ad esempio delle Long Lap Penalty.” Per quanto lo riguarda personalmente, “Io ero quasi sempre da solo in pista. Ad un certo punto ho visto un paio di piloti dietro di me, ma mi sono tirato fuori presto, visto che ho fatto un solo giro con le prime due gomme.”

Jonathan Rea “In Testa, la mia autobiografia” Bestseller su Amazon Libri

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: una sola speranza per il ritorno

MotoGP, Zeelenberg-Razali-Stigefelt

MotoGP, Valentino Rossi e Franco Morbidelli “rimandati” al II semestre

Superbike, Jonathan Rea ad Assen

Superbike, Jonathan Rea apre al sogno MotoGP: “Mai dire mai”