MotoGP, Alberto Puig

MotoGP, Alberto Puig: “Non posso giudicare Jorge Lorenzo”

Alberto Puig ritorna sull'addio alla MotoGP di Jorge Lorenzo e alla scelta di diventare collaudatore Yamaha: "Nessuno lo può giudicare".

26 marzo 2020 - 16:39

Jorge Lorenzo aveva annunciato l’addio alla MotoGP nel corso del week-end a Valencia. Da lì a breve avrebbe avviato i primi contatti con Yamaha per vestire i panni di collaudatore. Un cambio di scena (e di idee) repentino che ha spiazzato il mondo del paddock, a cominciare dal team Repsol Honda. Il team manager Alberto Puig e il maiorchino hanno trovato una risoluzione al contratto, concluso con un anno di anticipo. Ma il tecnico catalano mai avrebbe immaginato ad un voltafaccia del pentacampione, motivo per cui non ha posto nessun vincolo.

A distanza di qualche settimana Repsol Honda ha scoperto di aver fatto autogol, offrendo un aiuto alla concorrente Yamaha. “E’ la sua vita e non c’è niente da dire“, ha commentato Alberto Puig a UH Deportes. “Risponderò dal mio punto di vista, ma è anche il punto di vista di Honda. Durante lo scorso anno, sia lui che la Honda hanno provato. Lui ha provato e la Honda ha cercato di dare quello che ha chiesto, con i nostri limiti, così come lui che ha avuto due incidenti bestiali“.

HRC-LORENZO UN MATRIMONIO MAI DECOLLATO

Il feeling tra Jorge Lorenzo e la RC213V non si è mai instaurato, soprattutto dopo che i tecnici HRC hanno installato la nuova specifica di motore. A quel punto il prototipo MotoGP era difficilmente controllabile per tutti i piloti Honda. Ad eccezione di Marc Marquez. Il pentacampione ha provato a spingere alla ricerca del limite, ma ha rischiato grosso dal punto di vista fisico. “Quando un pilota cade come al Montmeló o ad Assen, capisco che non sta camminando, ci sta davvero provando. Ci abbiamo provato entrambi ma la vita non è ciò che vuoi, è quello che è, e alla fine non è andata bene. Allo stesso modo, si potrebbe dire che l’interruzione del contratto è stata amichevole. Abbiamo capito che non voleva continuare e non l’avremmo costretto“.

A quel punto in casa HRC non hanno perso tempo a ingaggiare Alex Marquez, entusiasta di approdare in MotoGP. Jorge Lorenzo non ha esitato ad accettare la proposta Yamaha. “La cosa bella della vita è che tutti possono e dovrebbero fare quello che vogliono – ha aggiunto Alberto Puig -. Se ha scelto di essere un collaudatore Yamaha sarà perché probabilmente è rimasto con qualcosa dentro, quella è una moto che conosce, che gli piace… Non sono nessuno per giudicarlo o per entrare in discussioni sull’argomento. Spero solo che vada bene e, soprattutto, che sia felice, perché la verità è che l’anno scorso non si è divertito“.

1 commento

fabu
11:12, 27 marzo 2020

E ci mancherebbe, l’ha portato lui in Honda silurando il suo ex pupillo Pedrosa. Direbbe mai che ha fatto lui la cazzata?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Marc Marquez e Alex Marquez

MotoGP, Alex e Marc Marquez vicini ad un nuovo focolaio: HRC in allerta

rabat motogp

MotoGP, Tito Rabat: “Johann Zarco lotta solo in pista, non fuori”

Sete Gibernau

Sete Gibernau: “Valentino Rossi genera odio sui suoi avversari”