Luca Marini

Luca Marini: “In MotoGP per stare davanti a mio fratello Valentino”

Luca Marini approderà in MotoGP nel 2021,l inevitabile il confronto con Valentino Rossi: "Sarà un confronto speciale, ma è un rivale come tutti gli altri".

18 novembre 2020 - 12:02

Nella stagione 2021 Luca Marini e Valentino Rossi formeranno la terza coppia di fratelli in MotoGP. Dopo gli Espargarò e i Marquez anche il nucleo familiare di Tavullia si ricongiunge in classe regina, realizzando sul filo del rasoio un sogno che fino all’anno scorso sembrava impossibile. Merito di tre vittorie e due podi in questo campionato Moto2 che lo stava proiettando verso il Mondiale, prima della debacle tra Le Mans e il doppio round di Aragon. Non entrerà in classe regina con un biglietto da visita iridato, ma nessuno potrà appellarlo come il “fratello di…” per giustificare la sua ascesa.

Una sana rivalità di famiglia

Alla pari di Bagnaia e Morbidelli, anche ‘Maro’ non si risparmierà per avere la meglio sul maestro Valentino Rossi. A sua disposizione una Ducati ibrida 2019-2020 per iniziare a farsi le ossa in MotoGP. Al suo fianco porterà due meccanici, Gianluca Falconi e Cristian Dionigi. E potrà contare su un contratto diretto con Borgo Panigale. “In pista sarà un rivale come tutti gli altri, ma dovremo stargli davanti ovviamente… E comunque è il mio sogno che si avvera – racconta al ‘Corriere della Sera’ -. Un’opportunità fantastica e non vedo l’ora di viverla. Sarà un confronto speciale, questo è certo, perché il rapporto che ci unisce è diverso da quello del resto dei piloti“.

Rivali in pista, ma fuori continueranno ad essere fratelli indivisibili e proseguirà il rapporto allievo-maestro. Far parte dell’Academy VR46 sta portando grossi vantaggi, con buona parte degli allievi proiettati verso la Top Class e che rappresentano il futuro tricolore in questo sport. “Avere Vale vicino a te significa molto, lui è sempre pronto a darti consigli. Analizziamo insieme le gare, ci offre la sua interpretazione – sottolinea Luca Marini -. Il suo occhio tecnico ci mostra aspetti che potrebbero essere stati trascurati in gara. I suoi consigli non vanno mai trascurati”. In molti evidenzieranno il legame di sangue con Valentino Rossi, ma il futuro pilota Avintia è pronto psicologicamente. “È mio fratello, non mi interessa se la gente lo fa notare. Vado per la mia strada“.

Foto: Getty Images

2 commenti

trediciport_13696908
18:00, 18 novembre 2020

E ci mancava anche il fratello coatto.

fzanellat_12215005
14:24, 18 novembre 2020

La caduta di Le Mans è stata tosta ma non è una scusante sufficiente per il flop delle ultime 4 gare.
Non ha subito infortuni come accaduto allo
sfortunato Sam Lowes.
Bezzecchi gli sta regolarmente davanti con molta
meno esperienza in Moto2.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Andrea Dovizioso

Andrea Dovizioso: la “gabbia” della MotoGP e la libertà del motocross

MotoGP, Joe Roberts

MotoGP, il manager di Joe Roberts: “Aprilia occasione mancata”

MotoGP, Luca Marini-Pecco Bagnaia-Valentino Rossi

MotoGP, Valentino Rossi e “new generation”: obiettivo Mondiale tricolore