MotoGP, Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo: “Sono l’unico ad aver battuto Marquez, Rossi e Stoner”

L'ex campione MotoGP ricorda la rivalità con Valentino Rossi: "Mi ha migliorato come pilota. Sono orgoglioso di aver vinto e perso contro di lui".

12 aprile 2020 - 8:38

Jorge Lorenzo era partito per Dubai per una vacanza, ma l’emergenza Coronavirus lo ha costretto a barricarsi nel suo hotel. I suoi amici sono partiti, il collaudatore Yamaha è rimasto solo, ma connesso con i social. Si allena fisicamente e perfeziona le lingue, del resto quest’anno ci sarà ben poco da fare in sella alla M1. D’altronde motore e aerodinamica restano congelati fino al dicembre 2021. Nonostante l’ottima condizione fisica l’ex campione MotoGP non è in uno stato mentale ideale per tornare. “Ci sono poche possibilità che torni a correre, siamo al 98% che non torni. Poi nessuno mi ha chiamato“.

Ha terminato la carriera con la Honda, su una moto che non hai mai fatto sua. Troppo a misura di Marc Marquez. “Ogni volta che spingevo cadevo e non avevo fiducia, ma non si può parlare di paura“, ha detto a Sky Sport. Il suo è uno stile di guida pulito, non aggressivo. “Nel corso degli anni sono diventato quasi un robot a livello di concentrazione, mentre prima ero più passionale e vivevo più emotivamente i GP. Con il tempo mi sono trasformato, diventando un pilota più cerebrale“. Pazzia allo stato puro nel 2013, quando ad Assen con la clavicola rotta ha gareggiato 30 ore dopo l’intervento arrivando 5° al traguardo. “Penso che mai nessuno riuscirà a fare una cosa del genere“. A lui va inoltre il merito di essere l’unico ad aver battuto Marquez, Valentino e Stoner: “Sono l’unico ad aver battuto tutti, non ci avevo mai pensato“.

Jorge Lorenzo ha grande fiducia nel team Yamaha, il prototipo 2020 ha fatto evidenti passi avanti. Maverick Vinales sul passo gara si è mostrato il migliore nei test MotoGP invernali, ma Fabio Quartararo è colui che potrebbe stupire: “Andrà sempre meglio, perché un pilota migliora ogni anno. Se continua così, lavorando e senza infortuni, sarà uno dei favoriti per il titolo“. Infine non poteva mancare un accenno all’ex rivale Valentino Rossi, ora compagno di Yamaha. “La rivalità con Valentino mi ha migliorato tantissimo. Dal punto di vista mediatico è stato molto importante. Sono orgoglioso di aver lottato con un campione come Valentino, di aver vinto e perso contro di lui“.

1 commento

ren_balestr_12909216
10:34, 12 aprile 2020

Hai battuto mm solo con il complotto del 2015. Per il resto solo chiacchiere e distintivo…..più chiacchiere che altro. Presto ci si scordera’ di te. Vale campione e leggenda per l’etermita’

POTRESTI ESSERTI PERSO:

KALEX Moto2

Moto2, la tecnica: il dominio del telaio KALEX

MotoGP, Davide Tardozzi

MotoGP, Tardozzi: “Jack Miller-Ducati, vicini ad una decisione”

Valentino Rossi a Misano

Valentino Rossi, Franco Morbidelli e la favola di Tavullia