Johann Zarco

Johann Zarco futuro incerto: rinuncia a oltre 2 milioni

Johann Zarco ha rinunciato ad una annualità da oltre 2 milioni. Il futuro resta fortemente incerto: il piano B prevede un ritorno in Moto2.

15 agosto 2019 - 10:05

Sono in molti a chiedersi cosa farà Johann Zarco dopo la separazione da KTM. In teoria non ci sono posti liberi in MotoGP per il 2020, l’unico a dover ancora rinnovare è Nakagami, anche se la firma è solo questione di giorni. Un gruppo di persone fidate lavora intorno al francese per trovare la miglior soluzione possibile per la prossima stagione, in attesa che qualcosa si liberi per il 2021.

Il due volte campione di Moto2 rinuncia ad un ingaggio da oltre 2 milioni a stagione: una scelta di cuore e non di tasca, molto insolita per qualunque sportivo. Questo stupisce l’opinione pubblica e il motorsport, ma Johann Zarco viveva una situazione ormai psicologicamente insostenibile. Persino il rookie Miguel Oliveira è riuscito a fare meglio. In un’intervista all’emittente francese RMC  ammette la sconfitta personale ad adattarsi alla KTM RC16: “Dall’inizio dell’anno ho lottato per adattarmi a questa moto. Dopo otto mesi mi sono reso conto che se non faccio ciò che amo con un sorriso e vado avanti, scendo dalla moto infelice o frustrato“.

Di qui la decisione di lasciare la casa austriaca, maturata probabilmente nel corso della pausa estiva, dopo averne parlato anche con i familiari. Perché in realtà non esiste ancora un’opzione per il futuro: “Voglio lottare per un titolo, in questo momento sento che non avrò alcuna possibilità nei prossimi due anni“, almeno non alla KTM. Ma allora dove? Con la separazione prematura gli restano poche opzioni. “L’obiettivo per il 2020 è guidare in MotoGP“, altrimenti virerà per un clamoroso ritorno in Moto2: “È un’opzione, c’è un piano A, B, C, forse anche D“.

1 commento

Ridge
23:08, 15 agosto 2019

Ma uno scambio Zarco – Lorenzo sarebbe fanta MotoGP?
Alla fine il francese potrebbe andare in Honda dove già aveva avuto degli attestati di stima es
D il maiorchino avere una squadra che svilupperebbe la moto in base alle sue indicazioni!

POTRESTI ESSERTI PERSO:

kymiring motogp

MotoGP: Primo test al Kymiring per i collaudatori

Silvano Galbusera

MotoGP, Silvano Galbusera: “Valentino Rossi supera la telemetria”

Romano Albesiano

MotoGP, Albesiano: “Andrea Iannone fatica ad adattarsi all’Aprilia”