MotoGP, Davide Brivio

Davide Brivio: “Catalunya 2009? Jorge Lorenzo la prese come un’offesa”

Davide Brivio, ex team manager Yamaha, ricorda la tensione post Catalunya 2009 tra Valentino Rossi e Jorge Lorenzo: "Servirono diverse riunioni".

14 febbraio 2021 - 11:56

Valentino Rossi ha vinto il suo ultimo titolo MotoGP nel 2009, nell’altro angolo di box c’era il suo più grande rivale: Jorge Lorenzo. Arrivato l’anno precedente in Yamaha, aveva dimostrato tutto il suo valore conquistando una vittoria e cinque podi. Era la stagione dell’ottavo titolo per il Dottore, nel 2009 avrebbe dovuto sudare sette camicie per arrivare a quota nove. La rivalità iniziava a farsi acerrima, soprattutto dopo quel mitico sorpasso in Catalunya: “Un momento chiave, uno di quelli in cui da lì la stagione va in un modo o nell’altro“, ha ricordato il pilota di Tavullia a DAZN.

E infatti vincere in Catalogna ha cambiato gli equilibri della classifica generale. Ma nel box l’atmosfera diventava sempre più incandescente, nessuna collaborazione tra i due fuoriclasse della M1. Il successo al Montmelò permise a Valentino Rossi di mettersi in testa alla classifica a pari punti con Lorenzo e Stoner. Ma da lì avrebbe vinto ad Assen, secondo a Laguna Seca, trionfo al Sachsenring. Consolida progressivamente la leadership in classifica MotoGP e mette il suo sigillo sullo scettro iridato. Erano i tempi d’oro per il pesarese, ai box c’era un collaboratore fidatissimo come Davide Brivio.

Il brianzolo vestiva i panni del team manager per la casa di Iwata. Nessuno meglio di lui può ricordare come sia cambiata l’aria nel box dopo quel successo in Catalunya. “Abbiamo partecipato a quel campionato in ‘casa’. Dopo quella gara c’era tensione in squadra. Lo staff di Valentino era molto felice, hanno celebrato la vittoria in grande stile. La squadra di Jorge l’ha presa come un’offesa, l’hanno presa male. Abbiamo dovuto tenere riunioni per parlarne con entrambe le squadre“. Il muro era invisibile, forse dovuto per differenza di pneumatici. Ma quella rivalità fa ormai parte degli annali di storia della MotoGP…

Jonathan Rea, “In testa, la mia biografia” In vendita su Amazon Libri

2 commenti

Makiland
18:22, 14 febbraio 2021

Penso che parlare di JL sia tempo perso, ci pensa lui a parlare di se stesso, fin troppo …

Makiland
17:20, 14 febbraio 2021

Vorrei dire … Bei tempi, ma non lo erano del tutto … purtroppo JL … la Primadonna, voleva scalzare VR dal ruolo di Leader …
Poveretto ha avuto bisogno di scorrettezze e complici conterranei per “riuscirci” … Uno così sta bene fuori dalle corse a fare il fighetto sui suoi macchinoni e a far scrivere m…ate al suo paparino … Lui non ne è in grado …

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Takahiro Sumi

MotoGP, Takahiro Sumi: i segreti della Yamaha e la YZR-M1 2022

Luca Marini MotoGP

MotoGP, Valentino Rossi: “L’anno prossimo vedremo un altro Luca”

Valentino Rossi e Luca Marini

Valentino Rossi, chapeau di Lewis Hamilton: “Non si è mai arreso”