MotoGP, Andrea Iannone

Andrea Iannone: “Non mi sono arreso alla MotoGP”

Andrea Iannone annuncia di essere al lavoro per tornare nel paddock della MotoGP in una nuova veste: "Ne parlerò al momento opportuno".

18 gennaio 2021 - 12:00

Sarà la seconda stagione MotoGP senza Andrea Iannone in pista. Il pilota abruzzese deve scontare una squalifica di 4 anni per i motivi ormai noti, una condanna che a molti è sembrata ingiusta dopo una prima sentenza di 18 mesi. Nei giorni scorsi l’ex pilota Aprilia ha evidenziato l’assurdità delle ultime decisioni della WADA in materia di doping. Dal 1° gennaio un atleta che viene scovato positivo alla cocaina può cavarsela con una squalifica di un solo mese.

La sua positività al Drostanolone, invece, viene pagata a caro prezzo con il massimo della pena. “Sono sereno, chi ha la coscienza pulita può sentirsi arrabbiato e anche demoralizzato, ma non dovrà perdere mai la serenità. Confesso che ho vissuto un momento di tristezza assoluta, ma mi è servito per trovare la forza che mi ha permesso di trasformare il ragazzo che amava la velocità di Vasto in un pilota professionista“.

Iannone pilota “ribelle”

Andrea Iannone risponde sui social a qualche domanda dei suoi fan. Sa di essere stato sempre un “ribelle”, un personaggio fuori dagli schemi, che mai si è piegato alle critiche altrui. L’irriverenza è il difetto che più apprezza di se stesso. “Ho sempre detto la mia, senza frenarmi davanti a niente e nessuno. Sono sempre più convinto che per essere la versione migliore di te domani, devi conoscere i tuoi difetti o gli angoli da smussare oggi. Sono convinto che se vedo qualcosa che non mi piace devo urlarla – aggiunge l’ex pilota MotoGP -. Un uomo che accetta tutto solo per compromesso non può essere definito uomo. A quanto pare questa irriverenza è un difetto che a me piace tanto, ma che non apprezzano tutti“.

La vita gli ha riservato un colpo basso dietro l’altro, sia in campo professionale che sentimentale. Dalle stelle alle stalle con Belen Rodriguez, poi la love story terminata con Giulia De Lellis. Anche in materia di donne potrebbe dare saggi consigli. Cosa guardare dell’altro sesso? “La sensibilità, adoro parlare, confrontarmi e scoprire. Donna per me è chi non ha paura di esporsi. Il mio consiglio: la testa è tutto… Trova una donna bella d’animo che renda ogni giorno più bello il tuo grazie al confronto. Quando la trovi ti sentirai a casa“. Ma la sua casa resta il paddock della MotoGP, dietro le quinte c’è un progetto che cova sotto la cenere. “Non mi sono arreso alla MotoGP. Quando verrà il momento ve ne parlerò“.

2 commenti

makitari_15179021
18:35, 18 gennaio 2021

Perdere Jannone è stato un trauma e una sconfitta per questo sport.
Gli auguro di ritornare, comunque e qualunque sia il suo ruolo.
Si è piloti per sempre !

    makitari_15179021
    11:58, 19 gennaio 2021

    Pollici avversi ?
    Davanti ad una truffa restate indifferenti ?
    E’ un VOSTRO problema …
    una chance a Janna l si DEVE dare anche se non è tra i miei preferiti. Io ammiro AUDACIA, TECNICA ed anche un PIZZICO DI FOLLIA … non vi ricorda per caso … un certo MM ?

POTRESTI ESSERTI PERSO:

moto3 fenati

Moto3: 4 GP senza vittorie italiane. Era successo solo in altre due stagioni

sam lowes moto2

Moto2: Sam Lowes, ritorno sul podio. “Ripreso il filo dopo il Portogallo”

MotoGP, Ducati GP21 di Pecco Bagnaia

MotoGP, evoluzione e segreti della Ducati Desmosedici GP21