MotoGP, Valentino Rossi e Alex Briggs

Alex Briggs, ultimo saluto a Valentino Rossi e alla MotoGP (o forse no)

Alex Briggs, storico meccanico di Valentino Rossi, lascia il paddock della MotoGP. Dal 2021 resta senza box, ma forse si tratta di un arrivederci.

25 novembre 2020 - 9:38

Dopo la gara di Portimao il paddock della MotoGP conterà un australiano in meno. Si tratta di Alex Briggs, storico meccanico di Valentino Rossi, che dal prossimo anno non avrà un box dove lavorare. Nello scambio di posizioni tra il Dottore e Fabio Quartararo, tra Yamaha factory e Petronas SRT, è lui l’agnello sacrificale. Sarà forse un anno sabbatico o un addio definitivo, molto dipenderà dalle scelte VR46 e sull’eventuale ingresso in classe regina con un proprio team. In tal caso non è da escludere che il nove volte iridato richiami ai box un uomo di esperienza come Alex.

Una vita in Top Class

Il meccanico oceanico, prima di ritrovarsi al fianco di Valentino Rossi, ha lavorato in Honda al fianco di Mick Doohan, vincendo cinque titoli consecutivi dal 1994 al 1998. Dal 2000 al servizio del Dottore, accompagnandolo in tutte le sue avventure (e disavventure) tra Yamaha, Ducati e di nuovo con il team di Iwata. Un’esperienza magnifica che ha segnato la sua vita professionale e privata. Pochi meglio di lui hanno saputo descrivere il campione di Tavullia in poche parole. “Quello che ho imparato da Valentino è che non possiamo arrenderci, non possiamo perdere il controllo della situazione. Non ho mai visto Rossi prendere a calci un pannello o lanciare un casco. Anche quando perde il titolo di campione del mondo, non perde mai la pazienza. Ha mantenuto il suo rispetto per il lavoro e gli sforzi che la gente fa attorno a lui. Quello che fa (quando arriva una sconfitta) è fermarsi e cercare spiegazioni“.

Il ritorno in Australia

La sua residenza australiana ha causato non pochi problemi in questa stagione MotoGP segnata dall’emergenza Covid-19. Tra voli e quarantene è stata una corsa contro il tempo e le norme, in cuor’ suo la consapevolezza che fosse l’ultima stagione al fianco di Valentino Rossi. “È stato un po’ complicato – ammette Alex Briggs prima di raggiungere l’autodromo di Algarve -. Finalmente abbiamo avuto un volo per questo sabato dall’Italia. Sono ancora in Portogallo per un altro giorno, poi parto. Quando arrivo in Australia devo fare 14 giorni in hotel. Quindi ancora un po’ di tempo prima di mettere piede a casa“. E’ tra gli ultimi a lasciare il Portogallo, stamane inizia l’ultimo viaggio di ritorno, o forse no. “Ultimo giorno in Portogallo. Colpisco le ultime palline da golf sul suolo europeo per il momento e poi vado a fare un giro turistico. Finito con una batteria del telefono a zero e un curry. Giorni felici!“.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo e la responsabilità di sostituire Valentino Rossi

nieto bertin zolder - motomondiale

MotoGP, la storia: l’unico Gran Premio del Belgio a Zolder

MotoGP, Marc Marquez

Marc Marquez inizia la preseason: “Noiosa la vita senza MotoGP”