nico terol

Nico Terol appende il casco al chiodo: “Lascio definitivamente le corse”

Nico Terol chiude la sua carriera da pilota. L'ultimo iridato 125cc e da due anni in FIM EWC, alle prese con problemi di salute, si ferma definitivamente.

24 dicembre 2021 - 15:54

È un addio vero e proprio quello annunciato da Nico Terol. L’ultimo iridato 125cc, da anni attivo in FIM EWC, ha deciso di chiudere ufficialmente la sua carriera da pilota. La ragione è di natura fisica: durante le 24 ore infatti lo spagnolo ha accusato vari attacchi di nausea seguiti a vomito, in particolare nella storica 24 Ore di Le Mans. Controlli approfonditi svolti in seguito hanno rilevato sangue infetto, per i medici una conseguenza del troppo stress dovuto a questi eventi. Ma certo non abbandona il mondo delle moto: da anni è parte del Aspar Team, prima come pilota e da anni occupato nel processo di crescita dei piloti del futuro.

Un annuncio che scarta qualsiasi possibilità di andare avanti con VDR Igol Experiences, con cui ha corso nel Mondiale Endurance dal 2020. Accanto al confermato Florian Alt, alla new entry Steven Odendaal ed al pilota di riserva James Westmoreland c’è ancora un posto vacante, ma non sarà Terol ad occuparlo. L’ha comunicato lui stesso in questi giorni attraverso i suoi canali social, rispondendo alle domande dei tifosi sul suo futuro. “Lascio definitivamente le corse”, spiegando i problemi di salute indicati in alto. Ringraziando poi la sua squadra. “Sono molto grato a VRD Igol Experiences per questi due anni meravigliosi, mi hanno sempre supportato in ogni decisione.”

Sottolineando però anche che “Un pilota è sempre un pilota.” Riguardo il suo futuro, andrà avanti col ‘progetto parallelo’ di questi ultimi anni. “Continuerò con il Junior Team, in cui mi diverso moltissimo.” Ovvero parte integrante della struttura di Jorge Martínez che si occupa della crescita dei piccoli talenti. Un lungo trascorso da pilota con Aspar Team, con cui ha vinto anche il suo unico titolo mondiale nel 2011, ultimo anno della categoria 125cc. Questo binomio si presenterà assieme anche in Moto2, classe in cui Terol ottiene tre vittorie ed altri due podi, prima di un 2014 da dimenticare e del cambio di campionato.

In seguito lo troviamo in Superbike (parte del 2015) ed in Supersport (tre gare nel 2016, parte del 2016 con un podio). Rimane fermo per due anni, finché nel 2019 non accetta la sfida della neonata MotoE, affiancando María Herrera in Aspar Team. Parallelamente è al via nella 24 Ore di Le Mans con SC-Project Paton Reparto Corse, per poi passare dal 2020 con VDR Igol Experiences. Quest’anno ad un passo dal secondo posto nella classifica Superstock,  finché la rottura del motore della Yamaha #333 nell’ultimo evento non ha precluso questa eventualità. Come detto, ora Nico Terol continuerà solo ‘dietro le quinte’, al servizio dei futuri talenti delle due ruote.

“Come ho progettato il mio sogno” la magnifica autobiografia Adrian Newey, il genio F1

Foto: VDR Igol Experiences

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

prustel dupasquier moto3

Moto3: PrüstelGP apre il 2022 nel ricordo di Jason Dupasquier

cfmoto prustelgp moto3

Moto3 2022, ecco i colori del progetto CFMoto Racing PrüstelGP

MotoGP, Enea Bastianini

MotoGP, esclusiva Pernat: “Bastianini ha un solo obiettivo”