MotoGP Pol Espargaro

MotoGP, Pol Espargaro denuncia: “Il muro di curva 7 è troppo pericoloso!”

Pol Espargaro sorride nel sabato di MotoGP, nonostante una caduta. Non manca un po' di amarezza: "Se avessimo avuto più test prima della stagione.."

1 maggio 2021 - 17:00

Il motto del sabato di MotoGP per Pol Espargaro potrebbe essere ‘meglio tardi che mai’. Lo spagnolo è riuscito finalmente ad avere buone sensazioni sulla sua Honda durante l’ultima sessione di prove libere, nonostante una caduta che ha compromesso anche la sua qualifica. Una scivolata che ha ricordato quella di Marc Marquez al mattino e che ha fatto suonare un campanello di allarme riguardo la sicurezza.

“Curva 7 è troppo pericolosa!”

“In quel punto si può cadere in alcuni modi, ma il muro è troppo vicino”, denuncia Espargaro. Pol continua: “Gli air fence sono okay, ma il pilota arriva con la stessa velocità della moto, è pericoloso”. Un argomento di cui discutere in Safety Commission: “Non ci sono stato questo weekend, avevo diverse cose da fare. Sarà sicuramente un argomento di cui parlare la prossima volta, ma sono sempre aperti a cambiamenti e credo che questo sia fattibile”.

“Finalmente un grande passo in avanti!”

Si parla poi della fiducia ritrovata: “Abbiamo fatto alcuni cambiamenti che mi sono piaciuti e mi sentivo bene con la moto. La caduta è arrivata probabilmente a causa della troppa voglia di fare bene vista la confidenza che avevo in sella”. La scivolata però ha complicato tutto: “È arrivata prima della qualifica, un peccato perché poi dobbiamo trovare il limite e in alcune curve purtroppo sei più cauto dato che hai paura di cadere”.

“Se avessimo avuto i test…”

Pol comunque sorride: “Sono più ottimista rispetto a Portimao, abbiamo buone possibilità per la gara, anche di sorpasso. Ci sono frenate con angolo di piega, tutta altra storia rispetto al Portogallo dove invece avevamo frenate da dritti”. Un peccato esserci arrivati ‘tardi’: “Abbiamo cambiato una cosa che neanche pensavamo potesse funzionare…. Questo deriva dalla mancanza di test prima della stagione, siamo costretti a provare le cose durante i weekend di gara”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

kelso ortola ogden whatley moto3

Moto3: Kelso, Ortolá, Ogden e Whatley, ecco i primi rookie ufficiali

MotoGP, Andrea Dovizioso con la Yamaha M1

MotoGP, Dovizioso: Quartararo maestro di stile, ma lo stop pesa tanto

MotoGP, Valentino Rossi

Valentino Rossi: mani in pasta sul Mondiale, resta il rebus Aramco