MotoGP, Giacomo Agostini

MotoGP, Giacomo Agostini assolve Johann Zarco “Non è un criminale”

Giacomo Agostini, 15 Mondiali, interviene sulla collisione che poteva innescare una strage. "Chi non guida aggressivo non sarà mai campione"

18 agosto 2020 - 9:21

La MotoGP è ancora scossa dal drammatico incidente di Zeltweg, con Johann Zarco sul banco degli imputati. A caldo Franco Morbidelli (“E’ un mezzo assassino”) e Valentino Rossi (“Guida da pazzo“) non sono stati teneri. Ma Giacomo Agostini, 15 titoli Mondiali vinti, la pensa diversamente. E dalle colonne de La Gazzetta dello Sport assolte con formula piena il pilota francese.

“Chi non guida aggressivo non sarà mai campione”

L’incidente tra Zarco e Morbidelli è stato bruttissimo, però non mi è piaciuto sentire usare certi termini, parlare di mezzo assassino” scrive Giacomo Agostini. “Ho letto che c’è chi dice che Zarco ha frenato apposta, ma credo che nessuno sia così incosciente da farlo, perché in quel momento metti a repentaglio anche la tua vita, oltre che quella degli altri. Dalle immagini mi sembra di capire che Zarco ha visto un varco ed è entrato, come qualsiasi pilota farebbe e fa, senza chiedersi troppo come si comporterà l’altro. Se apri una porta, devi aspettarti l’attacco. Per questo non ero d’accordo con la penalità di Brno per il contatto con Espargaro, voglio vedere se Freddie Spencer, oggi responsabile dei commissari, ai suo tempi non avrebbe fatto lo stesso. I piloti sono sempre stati aggressivi, se vuoi vincere devi esserlo. Un gentleman, chi è troppo signore o prudente, non sarà mai campione del mondo”.

“I commissari devono convocare Zarco e Morbidelli”

“Zarco mi pare che avesse più velocità, ma poi ha dovuto allargare, e questo è stato il suo errore” è l’opinione di Ago. “Mentre Morbidelli non si aspettava di trovarselo improvvisamente davanti e trovandosi in una traiettoria migliore forse poteva ritardare la frenata. Sia chiaro, non voglio assolvere Zarco, c’è da capire che serve rispetto e attenzione, ma non gli do del criminale. Però, anche senza sanzionare, la Direzione Gara dovrebbe chiamare entrambi e chiarire”.

“Quando correvo ho visto cose terribili”

“Domenica «Qualcuno» lassù in cielo ha evitato una strage. Credo che anche calcolandolo con un computer sia quasi impossibile che si ripresenti qualcosa di simile: le moto di Morbidelli e Zarco che passano tra le Yamaha di Viñales e Rossi senza che nessuno venga colpito. È stato qualcosa di bestiale, fosse finita in un altro modo per il nostro sport sarebbe stato un colpo da k.o.. A vedere le immagini mi sono impressionato anche io, che pure nella mia carriera ne ho viste davvero tante, ma se solo provi a pensare a quello che una massa di metallo di 150 chili può fare se ti colpisce a quella velocità… Valentino nelle interviste del dopo gara ha detto una cosa giusta, ripartire subito è stato il modo giusto per dimenticare, almeno per il momento. Perché poi è inevitabile che la sera, prima di addormentarti, o il giorno dopo con la testa libera da tutto pensi e rifletti su quello che è accaduto. Purtroppo, non è per essere stato più coraggioso o incosciente, ma ai miei tempi eravamo “abituati”, o forse è meglio dire predisposti, a vivere queste disgrazie. Mi è capitato di passare dopo un incidente tra una testa e un corpo e mezz’ora dopo ripartire. Sarà cinico, ma è il nostro lavoro, oltre che la nostra passione”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Valentino Rossi GP Misano/2 2020

MotoGP, Valentino Rossi: la seconda pillola blu non fa effetto

nakagami motogp

MotoGP: Nakagami, 6° posto con ‘saluto’ per l’amico Tomizawa

MotoGP: Jack Miller KO per una visiera a strappo sulla presa d’aria!