MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: il possibile ritorno solo nel 2022

Porte chiuse per Andrea Dovizioso nella stagione MotoGP 2021. Tra le ipotesi future anche la Yamaha M1 di Valentino Rossi.

5 febbraio 2021 - 10:14

Andrea Dovizioso in Sardegna dove stanno approdando tanti campioni della MXGP. L’ex pilota MotoGP ormai dice addio alle ultime speranze di ritornare nel paddock del Motomondiale. Marc Marquez procede con allenamento fisico e riabilitazione, con la chiara intenzione di ritornare in sella alla RC-V “step by step“. Ha saltato la stagione 2020 dopo l’infortunio di Jerez e tre operazioni, nel 2021 la musica è destinata a cambiare. HRC ha abortito ogni ipotesi di contattare il forlivese che, a sua volta, ha rigettato varie offerte da collaudatore.

Chiuse le porte della MotoGP, il Dovi si dedicherà al motocross per tenersi in forma e aprirsi nuovi varchi professionali. Il suo manager Simone Battistella punta l’attenzione al 2022, quando molto potrebbe accadere sul mercato piloti. Contratti in scadenza e due nuove selle nel team Gresini, che ancora non ha deciso a quale costruttore legarsi. Il grande errore di Andrea Dovizioso, forse, è stato aver rifiutato l’offerta KTM con un ingaggio ridimensionato. Ma erano tempi incerti, sia dal punto di vista sanitario che finanziario. Non si esclude però che la casa di Mattinghofen possa ripensarci con ben tre contratti in scadenza a fine anno.

Ovviamente da rigettare ogni ipotesi Ducati per il futuro, non si esclude un occhio in Yamaha. Valentino Rossi è l’unico dei quattro piloti del marchio ad avere un contratto annuale e deciderà il suo futuro solo dopo sei o sette gare. A quel punto per Andrea potrebbe aprirsi una strada importante per ritornare in sella alla M1, una moto che in carriera ha già conosciuto con buoni risultati. Difficile immaginare una chiamata dalla nascitura VR46, la cui attenzione sarà rivolta soprattutto alle giovani leve dell’Academy. Ma un ritorno in Yamaha sarebbe davvero clamoroso… Nota a margine: per la sua nuova carriera nel Motocross l’ex pilota MotoGP ha scelto proprio una moto della casa dei tre diapason.

1 commento

makitari_15179021
18:28, 6 febbraio 2021

Penso che KTM era meglio ….

POTRESTI ESSERTI PERSO:

MotoGP, Pecco Bagnaia e Luca Marini

MotoGP, ‘arm pump’: i commenti della VR46 Academy

Tony Cairoli

MXGP, Tony Cairoli come Valentino Rossi: fine carriera o rinnovo annuale

MotoGP, Joan Mir

Joan Mir: “Valentino Rossi resterà legato al mondo della MotoGP”