romano fenati moto3

Moto3 Silverstone, Prove 1: brilla Romano Fenati sul duo Gresini

Romano Fenati mette il suo sigillo nelle prime libere a Silverstone. A seguire ad oltre sei decimi troviamo Jeremy Alcoba e Gabriel Rodrigo.

27 agosto 2021 - 10:50

Fine settimana a Silverstone che inizia nel migliore dei modi per Romano Fenati. L’alfiere Max Racing Team domina la prima sessione di prove libere al ritorno sulla pista britannica, lasciando a distanza il duo del team Gresini. Jeremy Alcoba e Gabriel Rodrigo infatti accusano sei e sette decimi di ritardo, mentre il leader Moto3 Pedro Acosta si assicura la quinta piazza finale in questo turno. Top 14 provvisoria anche per i nostri Riccardo Rossi, Dennis Foggia ed Andrea Migno. Tutti gli orari del Gran Premio.

Prove libere 1

Quattro piloti tornano in azione in questa occasione: Alberto Surra in Snipers, Niccolò Antonelli in Esponsorama, Xavi Artigas in Leopard e Ryusei Yamanaka in PrüstelGP, reduci da diversi problemi fisici. Assente invece il rookie Izdihar per questioni di visto, Honda Team Asia al via con il solo Kunii. Temperature molto fresche in queste prime libere, 13° C nell’aria e 18° C sull’asfalto sotto un cielo nuvoloso. Fenati inizia presto a mettersi in evidenza, non manca invece qualche scossone per García, a referto in seguito un violento highside (senza conseguenze) per il pilota di casa McPhee alla curva 12. Stesso punto in cui poi cadrà anche Fellon, ma registriamo scivolate anche per Öncü e Nepa nel quarto settore. Nessuno riesce a scalzare Romano Fenati dalla vetta della classifica: il pilota ascolano tiene a buona distanza gli inseguitori, in primis i due ragazzi del team Gresini.

Massaggio Capitale, relax a Roma

La classifica

Foto: Max Racing Team

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

alessandro zaccone motoe

MotoE, Alessandro Zaccone: addio al campionato, ma è andata bene…

pecco bagnaia motogp

MotoGP, Pecco Bagnaia: caccia ad un altro colpaccio, stavolta in casa

MotoGP, Andrea Dovizioso

MotoGP, Andrea Dovizioso: “Con Valentino Rossi non c’è lavoro di squadra”