romano fenati moto3

Moto3: Romano Fenati salva un’Italia spenta nel GP di Stiria

Romano Fenati, un gran terzo posto in Stiria che vale anche la terza piazza iridata. E gli altri italiani? Purtroppo lontanissimi e fuori dalla zona punti...

10 agosto 2021 - 15:21

Davvero poche soddisfazioni italiane in Moto3 nel GP di Stiria appena concluso. Anzi, una sola: Romano Fenati tra i protagonisti della corsa, ripartendo da dove si era fermato prima della pausa. È vero che le condizioni erano complesse (pista “bagnasciutta”) e non è riuscito a tenere il ritmo indiavolato dei primi due, ma ha risposto per le rime ad un battagliero Masiá, artigliando così il terzo podio stagionale e la terza piazza iridata. Oltre a continuare una sequenza che finora l’ha sempre visto a punti. L’unico risultato importante per i nostri colori nel primo round al Red Bull Ring, visto che tutti gli altri hanno chiuso ben al di fuori della top 15…

“Contento del podio, non del feeling” 

Ha concluso la prima parte di stagione sul terzo gradino del podio, ha aperto la seconda parte proprio nello stesso modo. Ma ‘Fenny’ non è del tutto soddisfatto, nonostante l’ottimo piazzamento. Qualcosa non ha funzionato perfettamente sulla sua Husqvarna ed in un certo senso ha dovuto tirare il freno a mano, pensando a conservare la posizione senza commettere errori. Dovendo infine difenderla da Jaume Masiá in rimonta, beffandolo solo alla bandiera a scacchi per un decimo tondo. Tra pochi giorni si riparte sempre sul Red Bull Ring, l’alfiere Max Racing Team punta a fare meglio.

“Sono davvero contento del secondo podio consecutivo” ha dichiarato Fenati a motogp.com. “Ma non lo sono del feeling, che non era quello del mattino.” Nello specifico, “Ero un po’ più preoccupato in frenata, sentivo che mi si chiudeva il davanti: era davvero rischioso, quindi ho cercato di guidare ‘in sicurezza’ ed è andata bene.” Finché non ha avuto compagnia. “In seguito però Masiá mi ha raggiunto e ho dovuto studiare le possibilità per risorpassarlo: la volta che ha frenato troppo tardi sono riuscito a tornare davanti. Sono contento del podio, ma nella prossima gara voglio di più.”

“Chi l’ha visto?” 

Assente Alberto Surra per qualche problemino di salute, mentre Niccolò Antonelli è finito KO molto presto: per lui incidente i qualifica con frattura di terzo e quarto metacarpo della mano destra. L’obiettivo è tornare per il GP a Silverstone, ma chiaramente bisognerà vedere se sarà pronto. Per quanto riguarda gli altri nostri portacolori, il titolo di questo paragrafo non è un caso: a parte qualche sporadica apparizione in top ten di Foggia e Migno, e la settima piazza in griglia dell’alfiere Leopard, è un vero naufragio per i nostri ragazzi. Certo le condizioni non erano semplici per nessuno, ma hanno tutti chiuso ben lontani dalla zona punti. Andrea Migno è stato il “migliore” degli altri con la 17^ piazza al traguardo a quasi 53 secondi dal vincitore Acosta. Segue il 19° posto finale di Stefano Nepa, passa ampiamente il minuto invece il ritardo di Dennis Foggia e di Riccardo Rossi, che hanno chiuso la classifica. Questo fine settimana c’è il secondo round sullo stesso tracciato, si spera in un pronto riscatto della nostra truppa.

Per i tuoi massaggi Thai

Foto: motogp.com

1 commento

FRA 1988
0:32, 11 agosto 2021

Acosto si sta prendendo gioco di tutti i super esperti come Foggia o Fenati. Sergio Garcia il più coriaceo
ma subisce il suo connazionale.
Un solo predestinato e gli altri a rincorrere una vittoria
che arriva raramenti,basti pensare che solo in 3 piloti hanno vinto gp su 10 gare.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

marc marquez motogp

MotoGP: Marc Márquez, primo contatto con la nuova Honda RC-V

MotoGP, Valentino Rossi e Andrea Dovizioso

Test MotoGP, Valentino Rossi cambia programma. ‘Dovi’ più aggressivo

MotoGP, Fabio Quartararo

MotoGP, Fabio Quartararo: “Da Dovizioso aspettiamo info su Ducati”